Salvini, “animale da palcoscenico”: Bià è tutta per lui

    87

    ABBIATEGRASSO –  Matteo Salvini, segretario e leader indiscusso della Lega Nord, è un autentico ‘animale da palcoscenico’. In una campagna elettorale, passateci il termine, sostanzialmente ‘loffia’, è uno dei pochi che sa infiammare le folle e portarsi dietro la gente. L’avevamo notato già a settembre in occasione della festa che la Lega Nord Magenta aveva organizzato alla tensostruttura di piazza Mercato. La conferma è arrivata questa mattina dal mercato di Bià. Salvini è uno che sa cogliere gli umori della gente, li interpreta e gli va incontro occupandosi del quotidiano. Che magari per qualcuno è poco, ma per molti è più che sufficiente. Arrivato coi suoi bermuda blu, e la maglietta d’ordinanza  con la scritta Lombardia, appena sceso dalla macchina  si è messa quella ‘made in Bià’ con la scritta Biagrass per Cesare Nai sindaco. Dei selfie fatti in quantità industriale abbiamo già scritto, così della sua visita al mercato di Bià con processione al seguito. Quel che si può aggiungere è che Salvini è uno di quei nomi che ‘tirano’ ancora. E parecchio. In un periodo in cui non va a votare il 40% dell’elettorato e dove spesso il ‘non voto’ diventa il primo partito è essenziale portare big con questo appeal. Diversamente si rischia l’autogol clamoroso come nel caso del passaggio di Beppe Sala, sindaco di Milano. A Magenta in un pomeriggio di un sabato di maggio non c’erano più di 40/50 persone ad ascoltare ‘Mister Expo’ in piazza Liberazione.  Senza dubbio per la corsa di Nai verso il ballottaggio del 25 Giugno, quello di questa mattina è stato un bel colpo messo a segno. Anche se la vera sfida resta sempre quella di ‘riportare’ alle urne chi ci è andato domenica scorsa.  Ecco il primo avversario di Nai non è con rispetto parlando il pur temibile Domenico Finiguerra, ma il partito “non voto” o di quelli che dicono ‘abbiamo già vinto’…

    Articolo precedenteMeteo, fino a lunedì sole e 30 gradi costanti tra Magenta e Bià
    Articolo successivoOssona, Sergio Garavaglia non molla e manda tutto all’anticorruzione