Salvaggio (PD): “La città è ferma. Sugli oneri di urbanizzazione siamo al minimo”

    100

    MAGENTA – Il dibattito consiliare è entrato nel vivo sul bilancio di previsione. Tra i ‘dem’ sono intervenuti Marzia Bastianello che ha puntato l’indice sul commercio e il centro storico: “Siamo ad un punto di non ritorno. E’ grave. Dobbiamo rianimare Magenta. Servirebbe un piano eventi. Non capiamo perché Magenta non sia andata alla BIT con Abbiategrasso, che è diventata tappa del Giro d’Italia”. Duro l’affondo del capogruppo Salvaggio: “La città avrebbe dovuto svoltare ma basta andare in piazza e parlare con la gente per capire che Magenta è ferma. Siamo ai minimi storici per quel che riguarda gli oneri incassati. Mai eravamo sulla soglia dei 600 mila euro”. Salvaggio ha poi parlato della ‘macchina comunale’. “Siamo davvero preoccupati per tutti questi bandi per mobilità. La gente se ne va e questo può anche capitare per le scelte di vita che fanno i dipendenti, peccato che poi spesso i bandi che vengono fatti vadano deserti. Altro che aprire sportelli se poi dall’altra parte non c’è nessuno…” ha ironizzato Salvaggio.

    Articolo precedenteBilancio, Minardi: “Il vero occhio di riguardo deve essere per il nostro tessuto economico”
    Articolo successivoIl ‘Commissario’ Sgarella (FI): “Sinistra…mamma mia quante castronerie”