Salute, al Poliambulatorio Santa Crescenzia una Ortopedia e una Traumatologia sempre più di qualità

    14

    MAGENTA – Cresce e si potenzia ulteriormente il dipartimento di Ortopedia e Traumatologia del Poliambulatorio Medico Santa Crescenzia. Quest’ambito della clinica diretta dal dottor Andrea Rocchitelli, infatti, fa registrare proprio in questi giorni una new entry di primo livello. Va ad affiancare il dottor Alfredo Falchi, colonna portante del team, e il dottor Gabriele Thiebat,  a sua volta con un cv che parla da solo. Tra i suoi principali incarichi ricoperti quello di membro della commissione medica della Federazione Sport Invernali e Responsabile Medico delle discipline di Snowboard & Freestyle della nazionale Italiana. 

    THIEBAT

    Il dottor Gabriele Thiebat

    Dal dicembre 2010 Dirigente Medico di I° livello presso il Centro di traumatologia dello sport e chirurgia artroscopica (Prof. H.Schönhuber) dell’ IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi (Milano) e fino al 2018 Medico sociale settore giovanile A.C. Milan (ortopedico settore giovanile). Da luglio 2017 Responsabile area infortunati del settore giovanile della squadra rossonera.  Ebbene da questa settimana a completare questa compagine di rango ecco anche la dottoressa Francesca Facchini, in servizio presso l’Ospedale Galeazzi di Milano e specializzata in Ortopedia e traumatologia. 

     

    FRANCESCA FACCHINI

    La dottoressa Francesca Facchini

    Dunque, un tris d’assi che eleva ancor di più gli standard qualitativi di questa storica struttura socio sanitaria che sorge nel cuore di Magenta e che da trent’anni a questa parte si occupa della Salute dei cittadini di questo territorio. 

    ALFREDO FALCHI

    Il dottore Alfredo Falchi, coordinatore del team del Santa Crescenzia per la parte di Ortopedia e Traumatologia.

     

    Per ulteriori info e prenotazioni:

    https://www.facebook.com/SantaCrescenzia

    www.santacrescenzia.com

     

     

     

    Articolo precedente‘+++ Covid: dimesso l’ultimo paziente di Codogno. L’emozione del primario in una lettera
    Articolo successivoBareggio: buono natalità e contributo dsa: parte il piano ristori della Giunta Colombo