Sacro Monte di Varese, via ai concerti estivi alla Casa Museo Pogliaghi. Domenica 19 e venerdì 1 luglio i primi due appuntamenti

122

Nello scenografico atelier dell’artista, il recital per viola e pianoforte di Vittorio Benaglia e Fabio Napoletano e il concerto del giovane trio acustico Fall in Blue. Visite guidate al Museo abbinate

 

VARESE – L’estate è in musica alla Casa Museo Pogliaghi al Sacro Monte di Varese. Domenica 19 giugno e venerdì 1 luglio tornano i grandi concerti nello scenografico atelier dell’artista, davanti sua opera più famosa: la porta del Duomo di Milano. Archeologistics, realtà varesina impegnata nella valorizzazione del patrimonio culturale, presenta due appuntamenti dove interpreti d’eccezione spaziano dalla classica alla musica moderna e dove l’eleganza della musica si unisce al bello dell’arte. In occasione di entrambi i concerto vengono proposte delle viste guidate alla Casa Museo che, voluta e progettata in stile eclettico dallo stesso Lodovico Pogliaghi come sue residenza ai primi del Novecento, custodisce oltre al modello originale in gesso della porta centrale del Duomo di Milano, più di 1.500 opere tra dipinti, sculture e arti applicate e circa 580 oggetti archeologici.

 

Nel primo appuntamento di domenica 19 giugno, alle ore 16, protagonisti sono due musicisti con alle spalle un importante carriera a livello sia nazionale sia internazionale: Vittorio Benaglia (viola) e Fabio Napoletano (pianoforte). Molto legati al Sacro Monte di Varese e alla Casa Museo Pogliaghi in particolare dove hanno registrato un video promozionale, i due musicisti proporranno un recital per viola e pianoforte con un programma che li vedrà spaziare da Robert Shumann con l’Adagio e Allegro Op.70 a Johannes Brahms con la Sonata Op.120 n.1, da Hans Sitt con l’Album Leaves Op.39 per arrivare a Rebecca Clake con la Passacaglia.

È di prossima uscita un album interamente dedicato al repertorio per viola e orchestra sinfonica che vede Vittorio Benaglia come viola solista assieme alla Pazardzhik Symphony Orchestra diretta da Alexander Zemtsov, con la partecipazione straordinaria della clarinettista Denitsa Laffchieva per il Doppio Concerto di Max Bruch.

L’ingresso al concerto comprende anche la visita guidata alla Casa e alla collezione Pogliaghi, che potrà essere seguita prima del concerto alle ore 15 oppure al termine dell’appuntamento musicale alle ore 17.

Prenotazioni: bit.ly/musica19giugno

 

Venerdì 1 luglio il concerto sarà alle ore 21, con apertura straordinaria serale della Casa Museo Pogliaghi. Protagonista il giovane trio acustico “Fall in Blue” che presenterà un Menù musicale all’interno del quale il pubblico potrà “ordinare” il brano preferito. Il trio con voce, violino e pianoforte ha un repertorio che spazia dal barocco al contemporaneo, dal canto lirico a Nina Simone. Ogni brano viene introdotto da una breve presentazione che ne racconta le caratteristiche, la genesi, lo spirito. Valeria Galmarini è la voce del trio, Elena Scrivo esegue le musiche al pianoforte, Pierfrancesco Galli al violino: si sono esibiti sia in contesti formali con repertori classici che in luoghi suggestivi e che ben si prestano a repertori “misti” come sarà il caso della Casa Museo Pogliaghi.

Per l’occasione, la Casa Museo aprirà alle 20 per le visite guidate, comprese nel biglietto di ingresso (10 euro). Prenotazioni: bit.ly/musica1luglio

 

Archeologistics – Fondata nel 2004, è una realtà varesina impegnata nella divulgazione e conoscenza dei beni culturali. Progetta e realizza servizi di gestione museale, educazione al patrimonio, visite guidate e turismo culturale. In Lombardia opera in tutti i quattro siti Unesco Patrimonio dell’Umanità della provincia di Varese e collabora con le principali istituzioni del territorio e con il Ministero per i Beni Culturali. Fornisce consulenza per musei, monumenti e aree archeologiche, luoghi d’interesse storico-artistico e progetta percorsi per scuole e pubblico specialistico.

www.archeologistics.it

 

Articolo precedente++Tragico epilogo dell’incidente sull’A4 a Marcallo: muore il 12enne che era ricoverato a Novara
Articolo successivo++Magenta, il lascito del sindaco Calati: niente sala stampa per i dati elettorali (dopo decenni..)