Sabato 21, al Galleria di Legnano, il grande Massimo Ranieri

    24

     

    LEGNANO – Lo scorso anno ha aperto la stagione del Teatro Galleria a grande richiesta del pubblico, che non era riuscito ad assistere al suo spettacolo nell’aprile 2016.

    Massimo Ranieri torna anche quest’anno al Teatro Galleria con “Sogno e son desto in viaggio”. Uno spettacolo tra canzoni e monologhi, che attraversa, oltre alla grande canzone napoletana, il suo amatissimo repertorio con tutti i suoi successi, da “Perdere l’amore” a “Se bruciasse la città”, insieme ai brani dei più celebri cantautori italiani e internazionali, da Fabrizio De Andrè a Charles Aznavour. Nel testo scritto da Ranieri con Gualtiero Peirce, canzoni e monologhi intrecciano un racconto giocoso e provocatorio, un inno alla vita, all’amore e alla speranza. Con la sensibilità artistica e l’istrionica capacità interpretativa che lo contraddistingue, Ranieri vestirà il duplice ruolo di attore e cantante per portare in scena e interpretare, in un unico grande show, il teatro umoristico di Nino Taranto e le canzoni di Fabrizio De Andrè, i personaggi della produzione eduardiana e i brani dei più celebri cantautori italiani e internazionali, da Luigi Tenco a Charles Aznavour, da Francesco De Gregori a Lucio Battisti e Violeta Parra. Inoltre, nello show l’artista riserverà un omaggio speciale alla meravigliosa produzione di Domenico Modugno.

    Massimo Ranieri è nato a Napoli nel 1951, quarto di otto figli di una famiglia operaia. Si fa notare da Giovanni Polito mentre canta nei ristoranti alla moda, per rallegrare turisti e napoletani abbienti.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    A soli tredici anni incide il suo primo disco e sbarca in America e, nel 1966, debutta sulla
    televisione italiana presentando la canzone “L’amore è una cosa meraviglioso”. Nel 1968 è a
    Sanremo con “Da bambino”, eseguita insieme ai Giganti. Il suo primo disco omonimo esce nel
    1970.

    Nello stesso anno debutta al cinema e si aggiudica il David di Donatello come miglior attore. Inizia così una fortunata carriera cinematografica, che spazierà dal noir alla commedia. Inizia quindi una carriera teatrale, che lo porterà a collaborare con registi del calibro di Giuseppe Patroni Griffi, Giorgio De Lullo e Giorgio Strehler. Nel 1989 presenta insieme ad Anna Oxa il varietà “Fantastico 10”. Nel 2006 celebra i 40 anni di carriera portando nei teatri lo spettacolo “Canto perché non so nuotare…da 40 anni”. Nel novembre del 2009, gli viene consegnato il Premio De Sica per il Teatro.

    Lo spettacolo, in programma sabato 21 aprile, avrà inizio alle 21. I biglietti sono in vendita a partire da 44 euro e possono essere acquistati al Disco Store di piazza San Magno oppure sul circuito TicketOne.

    Articolo precedenteDa Magenta a Vinitaly: Marco e Luca Selmo ‘in campo’ assieme ai Vip per una causa benefica
    Articolo successivoIl Forum di Assago ai piedi di Roger Waters. Si replica stasera