Robecco, tra meno di un mese sarà attivato il semaforo al ponte sul Naviglio Grande

76

ROBECCO SUL NAVIGLIO –  Non manca molto e il semaforo sul ponte del Naviglio Grande a Robecco entrerà in funzione. Si attende l’intervento della ditta che dovrà predisporlo e, quindi, partirà un breve periodo di collaudo terminato il quale gli automobilisti che arriveranno da Magenta e da Abbiategrasso troveranno l’impianto in funzione. Lo aveva promesso il sindaco Fortunata Barni durante l’ultima seduta del consiglio comunale. Sui tempi c’è ancora l’incertezza caratterizzata dagli interventi tecnici e dalle necessarie operazioni di collaudo. Si pensa che in meno di un mese tutto sarà pronto.

Vista l’importanza del tratto stradale, via di collegamento sempre molto trafficata tra le città di Magenta e Abbiategrasso, la Polizia locale di Robecco sul Naviglio informerà per tempo i cittadini, le aziende che svolgono servizio di trasporto pubblico lungo la statale 526, i mezzi da soccorso, in modo da non far trovare nessuno impreparato. Si teme però che il semaforo possa creare qualche problema, soprattutto in tema di code che si potrebbero creare. Noto, infatti, che in occasione di un incidente stradale nei pressi del ponte, anche di modesta gravità, si formano code di centinaia e centinaia di metri raggiungendo da una parte il confine con Magenta e, dall’altra, quello di Abbiategrasso. La stessa cosa potrebbe accadere con l’attivazione dell’impianto semaforico. Incrementando, in questo modo, il lavoro della Polizia locale robecchese. Ad oggi, non essendoci il semaforo in funzione, gli automobilisti viaggiano seguendo le normali regole del codice della strada, quindi garantendo la precedenza. Con il semaforo rosso saranno costretti a fermarsi anche se la strada è sgombra. A lungo andare gli automobilisti potrebbero utilizzare le strade secondarie per non essere costretti a perdere dei minuti incolonnati in prossimità del ponte.

Questo vorrebbe dire attraversare gli abitati di Casterno e Carpenzago, le frazioni robecchesi che correrebbero il rischio di subire un notevole aumento di traffico e, in alternativa passare da via delle Due Porte per proseguire verso Cassinetta di Lugagnano e rientrare verso l’altra frazione di Castellazzo dè Barzi per coloro che, provenendo da Abbiategrasso, sono diretti verso Magenta. Insomma, le alternative sono solo le strade di campagna che potrebbero subire un intasamento. Dall’altra parte c’è da considerare anche il fattore sicurezza. Senza semaforo, specialmente negli orari di punta, il rischio che due veicoli entrino in collisione è sempre piuttosto elevato. Spesso la Polizia locale è dovuta intervenire per dirimere piccole questioni tra automobilisti in merito al diritto di precedenza. La presenza di un semaforo sarà certamente garanzia di sicurezza.

 

Articolo precedente“Separazione e figli – istruzioni per l’uso”: il 15 gennaio si svolgerà il secondo appuntamento a Parabiago
Articolo successivoPolizia locale di Boffalora Ticino, ecco il resoconto del 2019