Robecco sul Naviglio: gli auguri di Buona Pasqua dall’Alfredo e da tutta la sua brigata

654

 

ROBECCO SUL NAVIGLIO – Quella che sta per arrivare sarà ancora una Pasqua e una Pasquetta da tutto esaurito sulle rive del Naviglio Grande. Già perchè la “location” di Castello Archinto, dove sorge il ristorante di Alfredo Oggioni, è semplicemente stupenda. Oltre ad essere una garanzia sotto il profilo della qualità.

Alfredo, tramite lo spazio riservatogli di Ticino Notizie, intende rivolgere i migliori auguri di buona Pasqua a tutta la sua affezionata clientela ma più in generale, alle tantissime persone dell’est Ticino e non solo, che lo conoscono.

“Vorrei trasmettere un messaggio di fiducia e speranza – dice il ristoratore – vediamo da un periodo difficilissimo e quello che stiamo vivendo in queste settimane, con la guerra alle porte dell’Europa, non è certo più semplice, perché ha dei riflessi importanti per la nostra economia e per il turismo. Ciò detto, non bisogna scoraggiarsi. Noi in questi anni di Covid, abbiamo imparato a lavorare in modo diverso, con un approccio anche differente alla nostra professione. Tutto va visto dentro ad un’altra ottica e vi garantisco che con tanta passione ed entusiasmo riusciamo lo stesso a prenderci le nostre belle soddisfazioni”.   

Del resto questa contagiosa voglia di fare è sempre stata l’arma in più dell’Alfredo e della sua brigata. Tant’è che in questi giorni lungo il Naviglio Grande fervono i preparativi per la stagione primavera estate 2022.

“Ci stiamo preparando al meglio – conclude l’imprenditore del mondo della ristorazione – stiamo creando dei nuovi spazi all’aperto per accogliere i nostri clienti in una situazione sempre più confortevole. Noi ce la mettiamo tutta per far star bene chi sceglie di trascorrere qualche ora in nostra compagnia”. E aggiungiamo noi…. si vede eccome…

 

 

 

 

 

Articolo precedenteSiccità in Pianura Padana: i parchi lombardi chiedono un confronto con le istituzioni per far fronte a una situazione senza precedenti
Articolo successivoIl Teorema di Marco Ferrandini nella telefonata del Duca di Saronno (AUDIOINTERVISTA)