Robecco, gli obiettivi ambiziosi del Sindaco Barni: dal poliambulatorio, al centro anziani e tanto altro

102

ROBECCO SUL NAVIGLIO –  “Vogliamo rispondere ai bisogni reali dei cittadini, senza divulgare false speranze. Dialogo e condivisione saranno gli elementi che caratterizzeranno il nostro lavoro per i prossimi 5 anni”. Con queste parole il sindaco di Robecco sul Naviglio Fortunata Barni ha esordito nel tracciare le linee programmatiche del mandato durante il consiglio comunale di martedì, apertosi con un minuto di silenzio in memoria dei Carabiniere ucciso a Roma. Linee programmatiche approvate con i voti favorevoli della maggioranza e quelli contrari del gruppo ‘Robecco e frazioni Esserci’ rappresentato da Francesco Tocozzelli, Monica Contini ed Elia Colombo dell’opposizione. Assente Pietro Caruso di ‘Robecco Futura’.

“Una delle opere più importanti – continua il primo cittadino – sarà il poliambulatorio che verrà realizzato negli spazi di Villa Terzaghi, attualmente occupati dalla banda Civica che verrà trasferita nella scuola media. Per tale opera si procederà tramite mutuo”. Dalla sistemazione del parco di borgo Archinto all’introduzione del piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche, il sindaco elenca gli interventi che verranno realizzati a Robecco. “Per le grandi opere il discorso è diverso – aggiunge – non ce la sentiamo di dire falsità. Verranno programmate di volta in volta nel momento in cui avremo le risorse a disposizione”. L’Amministrazione Barni punterà molto sulle scuole. “Sono in ottimo stato e sottoposte a manutenzioni periodiche”, assicura. Confermati i progetti di incontro con i paesi del gemellaggio che, anzi, verranno potenziati. “Il neo sindaco della cittadina di Kahla ci ha inviato una bella lettera, con l’intenzione di proseguire nella bellissima collaborazione che abbiamo intrapreso”. Altro progetto ambizioso sarà la realizzazione di un centro diurno anziani. Uno sportello ‘Help’ per i cittadini che desiderano avere un primo contatto per usufruire dei servizi comunali e, infine, verranno sistemati altri defibrillatori.

Uno verrà piazzato nella frazione di Carpenzago, successivamente si procederà con le altre frazioni. Per quanto riguarda la sicurezza partirà, probabilmente nei mesi di ottobre e novembre, un centro di ascolto in collaborazione con i Carabinieri di Abbiategrasso. C’è anche il discorso cultura. “Abbiamo già partecipato ad un tavolo con Magenta per avviare le iniziative Leonardesche – conclude il sindaco Barni – l’8 settembre partirà la prima e vi prenderanno parte tutti i comuni, non solo quelli che si affacciano sul Naviglio Grande”. Dalle opposizioni non sono arrivate contestazioni particolari. Soltanto una breve battuta di Ticozzelli che ha detto: “Sembra tutto troppo bello per essere vero. Spero ce la facciate a portare a termine tutto quello che avete previsto”.

 

 

 

Articolo precedenteDroga- Scuole sicure, Cecchetti (Lega): “Grande successo”
Articolo successivoMinardi, Piano Opere Pubbliche: “Fotografia di un fallimento”