Robecco Bike Festival, successo per i ‘Brontoli’: e lungo il Naviglio arriva anche Linus

    98

    Più di 600 persone nella sola giornata di domenica: ottimo risultato per l’Asd di Andrea Noè

    ROBECCO – Ancora una volta Brontolo Bike ASD ha fatto centro.  Il Robecco Bike Festival è iniziato il Sabato, ha visto come protagonisti i bambini impegnati in una gimkana. Evento incluso nel  progetto gioco ciclismo FCI,ha visto la  collaborazione del Velo Sport Robecco e dell’ ASD Casterno,nessun vincitore,tanto divertimento e tutti premiati.       La giornata è proseguita con l’escursione in notturna nel Parco del Ticino.Tutti con apposite luci hanno potuto gustarsi il bellissimo tramonto in riva al Ticino e percorrere i bellissimi sentieri all’interno del Parco.

    Il pezzo clou delle due giorni è alla Domenica con BRONTOLO BIKE DAY, cicloturistica e pedalata per Famiglie che ha visto al via più di 600 persone. Arrivata alla sua sesta edizione,la manifestazione cresce di anno in anno, grazie alla fiducia degli sponsor e dei partecipanti che accorrono a Robecco,sulle sponde del Naviglio Grande,dove il bel Palazzo Archinto e le ville patrizie del ‘700 arricchiscono la manifestazione.Due ristori, uno davanti alla Chiesatta della Madonna in Binda a Nosate ed uno davanti l’Abbazia di Morimondo e pasta party in Parco Villa Terzaghi.

    Un evento benefico a favore dell’Associazione Onlus Sindrome di Pitt Opkins e- novità di quest’anno-la promozione del progetto cargo Bike,realizzato dall’Associazione Onlus La Quercia.

    Il tutto ripreso da Bike Show TV ed un ospite d’eccezione,Linus,che ha voluto esser dei nostri,partecipando e percorrendo tutto il percorso.    

    Brontolo Bike ASD, società di cui sono presidente, è riuscita ad realizzare,con la complicità di tanti volontari,un evento che negli anni è diventato un punto fermo per molti appassionati.

    La nostra filosofia è molto semplice:divertirsi e fare qualcosa per chi è meno fortunato di noi.Per l’ennesima volta ci siamo riusciti.Grazie a tutti e arrivederci al 2018,con lo stesso entusiasmo e molti di più,perché solo in tanti, collaborando, condividendo e coinvolgendo,possiamo fare grandi cose…

    Andrea Noè

    Articolo precedenteA Pontevecchio, dal 26 giugno, il campus estivo de Le Stelle sulla Terra
    Articolo successivoBià: Rainbowie Festival in occasione della festa Europea della musica