Robecco, Barni: “Fatti, non parole per la promozione turistica”

    90

    Riceviamo e pubblichiamo

     

    ROBECCO SUL NAVIGLIO – «L’Amministrazione comunale ha messo in campo una serie di iniziative e si sta attivando con successo ai diversi livelli istituzionali per promuovere in maniera concreta Robecco sul Naviglio, a vantaggio dei cittadini, delle aziende e dei commercianti del territorio. In tre anni sono stati già raggiunti importanti risultati. Pertanto, affermare il contrario, è palesemente falso e rasenta il ridicolo». È quanto affermano il sindaco Fortuna Barni e la sua giunta, in seguito alla recente diffusione di notizie per mezzo stampa riguardanti il mancato rilancio turistico del paese.

    «Robecco mai come ora è conosciuta e frequentata da molti turisti in ogni periodo dell’anno. – rilevano gli amministratori – Sono state avviate adeguate politiche per promuovere il paese. Il Comune di Robecco, per esempio, partecipa alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano, con materiale informativo sul territorio. La storia, i percorsi e le foto di questo “gioiello del Naviglio Grande” sono stati pure inclusi nel materiale turistico – promozionale del Consorzio dei Comuni del Naviglio, di Navigli Lombardi Scarl e nel progetto della Regione “In Lombardia” che è presente anche al Giro d’Italia. Inoltre, in collaborazione con le ASD locali e il Parco del Ticino, sono stati creati pannelli per i percorsi ciclopedonali(posizionati fuori dall’Infopoint e presso ponte carrai), che percorrono tutto il territorio e includono agriturismi, mulini e fontanili».

    Il sindaco Barni e la giunta aggiungono: «Periodicamente l’Amministrazione comunale, in sinergia con la Pro Loco che collabora alla gestione dell’Infopoint, porta avanti il progetto “Ville aperte”. È stata avviata una specifica convenzione per celebrare i matrimoni in ville e agriturismi che favorisce anche la conoscenza prodotti e aziende locali.

    Il “Museo Virtuale”, sostenuto dall’Amministrazione e creato dai ragazzi che collaborano con l’Infopoint e la Pro loco, è stato realizzato con molto impegno allo scopo di aprirlo e farlo conoscere a livello progettuale durante la Fiera di San Majolo. In questa occasione, ha ricevuto elogi dalle autorità istituzionali presenti, dai cittadini e dai tanti tanti turisti che hanno avuto la fortuna di visitarlo. È solo l’inizio di un percorso che inevitabilmente avrà un seguito, tenuto conto della genialità del progetto. Non si dimentichi, infine, il turismo sportivo che, grazie alle ASD locali ed il patrocinio del Comune, ha visto nascere eventi nuovi, partecipati e apprezzati.

    Altre manifestazioni sportive, già collaudate, portano periodicamente in paese migliaia di turisti sportivi, ottenendo perfino una risonanza nazionale».

    «Robecco è presente in maniera attiva in tutti i tavoli istituzionali, come quello riguardante il progetto bici/barca Locarno/Venezia che si realizza dopo 100 anni. È presente ai tavoli istituzionali anche per la migliore gestione dell’alzaia (che non è di competenza comunale) e si sta attivando in Regione per riuscire a trasformarla in pista ciclopedonale. Fino a tre anni fa il Comune di Robecco sul Naviglio, non era neanche conosciuto nelle sedi istituzionali superiori, dove si programmano gli interventi e si prendono le decisioni. Pertanto, chi oggi afferma o scrive il contrario, o ignora le azioni che sono state intraprese o peggio è in malafede». Come sempre fatti…non parole!

    Articolo precedenteMagenta, Via San Martino torna a doppio senso di marcia
    Articolo successivoXXII Forum di Agenda 21 Est Ticino i “Giovani Resilienti” a Cisliano