CronacaNews

Ripulita dai volontari del Parco la spiaggia Sayonara di Vigevano

VIGEVANO – Centocinquanta  sacchi di spazzatura, oltre a centinaia di bottiglie e lattine che hanno riempito due campane (nella foto in evidenza tratta da Inforete). E’ questo il risultato della pulizia effettuata domenica dai volontari del Parco del Ticino e  dall’associazione “Tisinatt” sulla spiaggia “Sayonara” di Vigevano.

L’intervento di pulizia dai rifiuti abbandonati è durato circa tre ore e mezzo ed è stato coordinato da Massimo Balocco e Davide Cameroni del Parco del Ticino, oltre a Luigi Pigola del Comune di Vigevano. Venticinque i volontari che hanno ripulito dai rifiuti l’area di altissimo pregio, in quanto parco naturale. Tra loro anche alcuni cittadini che hanno risposto all’appello lanciato nei giorni precedenti  su facebook dai volontari.

Alla fine della mattinata sono stati riempiti 150 sacchi di immondizia indifferenziata ed è stato raccolto un quantitativo di vetro e lattine pari a due campane della raccolta messe a disposizione da A.S.M.- I.S.A di Vigevano.

La giornata di pulizia rientra negli interventi di prevenzione e repressione dell’abbandono di rifiuti messi in campo durante l’estate dal  settore Vigilanza in collaborazione con le Gev e l’Antincendio Boschivo del Parco del Ticino.  Operazioni che hanno portato alla notifica  di 10 verbali per abbandono rifiuti ed accensione fuochi. Purtroppo tali servizi non sono bastati ad arginare il fenomeno sulla spiaggia in questione; una malsana abitudine che tuttavia dilaga  anche in in altre aree del Parco prossime al fiume e molto  frequentate durante la stagione estiva.

Ringrazio la vigilanza del Parco, i Tisinatt e tutte le persone che si sono adoperate domenica per ripulire la spiaggia di Vigevanocommenta il presidente Gian Pietro Beltrami (nella foto sopra con il consigliere del Parco Fabrizio Fracassi) Il nostro Ente si sta coordinando con le altre forze dell’ordine del territorio del Parco, in particolare con la polizia locale e l’Arma dei carabinieri, nello specifico con il Corpo Forestale, per un maggior controllo di tutta l’area”.

L’obiettivo  – conclude il Presidente –  è quello di cominciare con un intervento  educativo, prima che repressivo, affinché la gente comprenda l’importante valore di questa area naturalistica e la rispetti, portandosi  a casa i rifiuti prodotti durante  le gite sul Ticino”.

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi