Ripartono da Vigevano le visite alle carceri

    88

    VIGEVANO – In attesa della definitiva approvazione delle riforma penitenziaria ripartono dal carcere di Vigevano le visite della Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan” nelle carceri lombarde. Questo sabato  24 marzo l’ex consigliere regionale radicale Giorgio Inzani verrà accompagnato dagli iscritti al Partito Radicale Gianni Rubagotti e Filippo Cattaneo.

    Nella delegazione anche il vicesindaco di Arluno Igor Bonazzoli: come da tradizione della Cazzavillan si cerca di portare a visitare gli istituti di pena amministratori locali.
    Il Partito Radicale è il partito della speranza nel momento in cui questo paese è sempre più disperato.” ha dichiarato il segretario della Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan” Abbiamo sperato contro ogni ragionevolezza di raggiungere 3000 iscritti nel pieno black out informativo e ce l’abbiamo fatta, abbiamo sperato di portare a casa una minima riforma delle carceri in pieno clima giustizialista e ce l’abbiamo quasi fatta. Il prossimo passo è portare un po’ di stato di diritto con queste visite, con le iniziative per ricordare il secondo anniversario della morte di Pannella, di cui questa è l’inizio, e con le proposte di legge di iniziativa popolare che il Partito Radicale sta per lanciare.
    Chiederemo ancora per questo l’aiuto dei detenuti e anche dei “cosiddetti” liberi in un paese sempre meno libero di conoscerci e di conoscere a cosa va incontro.”

    L’Associazione per l’Iniziativa Radicale ‘Myriam Cazzavillan’ è una associazione radicale nata il 3 ottobre 2015 a Milano. E’ transpartitica e transterritoriale e promuove le battaglie dei soggetti radicali a Milano e in altri territori dove ha o trova militanti. Organizza serate culturali con sede fisica e in streaming (in collaborazione con LiberiTV) per permette a chiunque sia collegato a internet di fruirne e intervenire. 

    Articolo precedenteOasi WWF Vanzago: sabato è l’ora della terra
    Articolo successivoRazzano: “Dove è finito il Patto di sicurezza locale?”