Rione San Rocco e la Messa in Basilica: la nota del Sindaco Calati

    109
    Out

     

    Si celebra in questi giorni la tradizionale festa del rione San Rocco, appuntamento storico e importante per gli abitanti del quartiere, che coinvolge tutta la comunità magentina. La festa si svolge in tensostruttura che, essendo una struttura pubblica di proprietà comunale, non è un luogo di culto. Pertanto non è uno spazio idoneo a fini religiosi, cerimonie o celebrazioni sacre, così come non lo sono le altre sale e strutture comunali. Nessuna di esse pertanto ospita cerimonie, di nessuna confessione religiosa, nell’equità e rispetto reciproco. Questa la ragione per cui la Santa Messa di domenica 2 settembre si svolgerà in Basilica, alle ore 11.45. Nulla si pone in contrasto con il tradizionale programma della festa, dedicata a tutti i cittadini, e che permetterà ai fedeli e a chi vuole partecipare al culto di farlo nel luogo più idoneo e deputato. ‘Le nostre tradizioni e il nostro patrimonio culturale rappresentano un valore inestimabile, da tutelare e tramandare alle generazioni future. Il volto della città cambia, le persone cambiano, ma non cambieranno mai le nostre origini e quel senso di appartenenza ai quartieri e alle vie, che caratterizzano i loro abitanti. Sono convinta che lo svolgimento della messa in Basilica e non in tensostruttura non cambierà la vera anima del rione San Rocco e della sua straordinaria festa, animata da persone di grande generosità, cordialità, allegria e genuinità, molte delle quali ho avuto il piacere di conoscere e che mi hanno dato dei bellissimi ricordi, che riaffiorano e rivivono tutti gli anni. Ci sarò anche quest’anno, felice di vivere questa festa con lo spirito di sempre’. Queste le parole del Sindaco Chiara Calati.

    Articolo precedenteMagenta, niente messa alla tensostruttura per la festa del rione San Rocco
    Articolo successivoFaremo la fine dei Pellerossa?