Riesumata la salma di Carlotta Benusiglio. Nuova autopsia

    85

    MAGENTA –   Nuovi sviluppi nel caso irrisolto di Carlotta Benusiglio, Verrà infatti effettuata una nuova autopsia, con la formula dell’incidente probatorio, sul cadavere della stilista 37enne trovata impiccata con una sciarpa ad un albero di piazza Napoli, a Milano, la mattina del 31 maggio del 2016.

    Lo ha deciso il gip milanese Alfonsa Ferraro nell’ambito dell’inchiesta sul ‘giallo’ di quella morte. Dopo la richiesta iniziale di archiviazione, anche grazie all’azione di pressione mediatica della famiglia di Carlotta, il caso è stato riaperto dal pm Gianfranco Gallo, con anche sviluppi molto importanti rispetto al magentino Marco Venturi, fidanzato all’epoca della Benusiglio. Ora Marco, 41 anni,  è indagato per omicidio volontario aggravato. Il giudice ha stabilito che conferirà l’incarico al perito per l’autopsia lunedì prossimo.

    Si provvederà così alla riesumazione della salma, che dovrebbe avvenire entro fine mese. Agli atti delle indagini, condotte dalla Squadra mobile, c’è anche una consulenza sulle immagini di due telecamere prodotta dai legali della famiglia Benusiglio, gli avvocati Gian Luigi Tizzoni e Pier Paolo Pieragostini. In quelle immagini inizialmente non prese in considerazione vi scorge anche Marco nei pressi dei giardini di piazza Napoli dove poi Carlotta fu ritrovata cadavere. Intanto, Venturi settimana scorsa, ha inviato tramite il suo legale, una lettera alla trasmissione Quarto Grado in onda su Rete 4 che si sta occupando praticamente settimanalmente della vicenda della povera Carlotta.  Marco ribadisce la sua totale estraneità ai fatti e confessa di stare vivendo un vero e proprio incubo. Al contrario, la sorella di Carlotta, Giorgia e mamma Giovanna – sempre a Quarto Grado –  chiedono a Marco di dire raccontare fino in fondo cosa accadde quella maledetta notte tra il 30 e il 31 maggio del 2016 (vedi linkhttps://www.msn.com/en-in/news/hindi-news/caso-benusiglio-parla-la-mamma-di-carlotta/vp-BBIhGpR).

     

    (qui di lato la sorella Giorgia Benusiglio)

    Articolo precedenteSi festeggia la “Giornata per la Vita”
    Articolo successivoMagenta al buio e incroci pericolosi: parla l’Assessore Gelli