Riceviamo & pubblichiamo, vicenda casa di riposo di Arconate. Fondazione Mantovani approva e condivide i punti dell’accordo con l’amministrazione

    141

    RSA ARCONATE, FONDAZIONE MANTOVANI APPROVA E CONDIVIDE I PUNTI DELL’ACCORDO ELABORATO DALL’AMMINISTRAZIONE: “PRONTI ALLA SOTTOSCRIZIONE PER UNA RAPIDA ED IMMEDIATA APERTURA DELLA STRUTTURA, AL LAVORO PER L’INTERESSE DELLA COMUNITA’ “.

    Arconate- Nessuna volontà ostruzionistica, ma massima disponibilità ad immediatamente sottoscrivere la convenzione definita a suo tempo dall’Amministrazione Comunale per l’apertura della RSA di Arconate. Questo il senso della nota ufficiale inviata da Opera Pia Castiglioni srl e trasmessa via Pec martedì 4 febbraio 2020 al Sindaco di Arconate.

    “Si formula –così è scritto nella lettera- la propria accettazione alla proposta di accordo di codesto Comune avente ad oggetto trasferimento del diritto di nuda proprietà modifica ed integrazione del contratto di concessione, di progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione funzionale ed economica di una struttura integrata per anziani” in particolare riguardo alla proprietà pubblica della RSA ed al prolungamento della convenzione.

    A fronte di un’opportunità di mercato presentata, Fondazione Mantovani ha deciso di sostenere un importante investimento, con l’evidenza che patti ed intese già concordate tra l’Amministrazione ed Anteo saranno rispettate ed onorate, anche in virtù della trasparenza e della legalità del percorso che ha portato alla definizione della cessione di quote.

    Non solo. “Al fine del perfezionamento dell’accordo suddetto e onde procedere in tempi brevi a quanto necessario per l’apertura della RSA di Arconate –prosegue la nota- vi invitiamo alla relativa sottoscrizione”, già formulando per metà febbraio alcune possibili date presso uno studio notarile indicato dall’Amministrazione Comunale “per l’apertura della RSA di Arconate”.

     

    Articolo precedenteDairago, sulla riqualificazione di piazza Francesco della Croce la parola ai più giovani
    Articolo successivoOsservatorio indifesa: più di 4 ragazzi su 10 hanno dichiarato di aver subito atti bullismo