Rescaldina: ormai è scontro aperto sul mercato

    14
    RESCALDINA –Sui numeri vi è disaccordo: per l’assessore Gianluca Crugnola sono 6 perché, dice  “sono passati da 56 a 50”. E la matematica non appartiene al regno dell’opinabile. Per l’opposizione di  “Centro destra unito per Rescaldina”, invece, la contrazione ammonta a dodici unità.  Un dato è certo: nel mercato di Rescaldina, le postazioni a disposizione degli ambulanti hanno avuto una contrazione. E lo scopo era di fare spazio per la realizzazione di una pista ciclabile.  Ma il suono delle diverse campane non abbraccia solo il momento numerico bensì anche la valutazione della situazione.
    Crugnola, infatti, spiega che la scelta dell’amministrazione né è stata calata dall’alto e dall’oggi al domani né costituisce un accanimento contro gli ambulanti. Semplicemente, osserva, “la riduzione dei posti  è stata concordata con i rappresentanti di Confcommercio  volendo ridurre il numero degli spuntisti e tenere alto il livello di qualità del mercato”. Ma per Maria Angela Franchi, capogruppo del Centrodestra di cui è stata anche candidato sindaco, la riduzione porta comunque con sé qualche scompenso: “ci dispiace per questa riduzione di posteggi che sappiamo risalire a due anni fa – dice – per noi il mercato è un momento importante di socialità e vita cittadina e quindi diminuire i posteggi di dodici unità non ci è parso una scelta opportuna”.
    Cristiano Comelli   
    Articolo precedenteFondazione Ticino Olona: rinnovato il Consiglio d’Amministrazione
    Articolo successivoCerro Maggiore: esenzioni sulla TARI anche per le famiglie? La Giunta ci pensa