Rescaldina, ‘A domanda risposta’: Cattaneo parla coi cittadini

    54

     

    RESCALDINA – A domanda risposta. Il sindaco Michele Cattaneo, sul sito di “Vivere Rescaldina”, ovvero la lista di cui è stato candidato alle elezioni amministrative che lo hanno portato appunto a diventare primo cittadino, ha avviato una sorta di filo diretto con i suoi concittadini volto a fare luce su alcuni interventi significativi in programma. In primis il padrone di casa del municipio di piazza della Chiesa ha messo l’accento su rifacimento del tetto delle scuole elementari di Rescaldina da cui sta per essere tolto il pericoloso amianto, ristrutturazione degli spogliatoi della palestra delle medie Ottolini e lavori sul campo sportivo di via Melzi che sorge nella parte terminale del paese. Ma è su un punto che le domande dei cittadini hanno solleticato più di tutti l’attenzione. Si tratta della realizzazione della pista ciclabile di collegamento tra Rescaldina e Cerro Maggiore, Parabiago e Milano. Molte le domande poste dai rescaldinesi al riguardo: chi finanzierà l’intervento, se via Matteotti diventerà o meno a senso unico per effetto di quest’opera, se vi passerà l’ambulanza?

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Domande a cui Cattaneo ha risposto punto per punto. Per quanto concerne la voce supporto economico all’opera, infatti, ha puntualizzato che “è finanziata da un bando di Regione Lombardia il cui scopo è proprio il collegamento tra i diversi comuni della Regione”. Qualcuno ha sostenuto che i soldi potessero essere meglio destinati alla sistemazione di alcuni marciapiedi malmessi. Cattaneo ha però replicato che il contributo messo a disposizione dalla Regione concerneva nello specifico i soli interventi sulla mobilità ciclabile. A chi gli ha sollevato qualche perplessità sull’avvio dei lavori nella calda stagione, Cattaneo ha spiegato che “i lavori si fanno preferibilmente d’estate perché c’è meno traffico e per impattare il meno possibile sul commercio”. Commercio i cui esponenti sono stati avvertiti, aggiunge, dell’avvio dei lavori mediante un cartello. Poi una serie di altre rassicurazioni: niente senso unico su via Matteotti per conseguenza dell’intervento effettuato, le ambulanze ci passeranno normalmente, i lavori concerneranno le vie Silvio Pellico, Libertà, Roma e per Cerro Maggiore, durata dei lavori per almeno un paio di settimane. E così i rescaldinesi potranno contare su una pista ciclabile in grado di connettere meglio il loro territorio con i comuni contermini. Con un occhio alla mobilità sostenibile e un altro al rispetto dell’ambiente.

    Cristiano Comelli    

    Articolo precedenteAddio a Jimmy il Fenomeno, caratterista ‘principe’ del cinema italiano
    Articolo successivoLombardia, sta rientrando l’emergenza legionella