Rescaldina: 2 bambini ustionati e 27 persone sfollate

    53

     

    RESCALDINA – Sono due, riferisce il 118, le famiglie coinvolte nel crollo parziale di una palazzina stamani a Rescaldina, in via Brianza. I vigili del fuoco hanno estratto tutte le persone presenti all’interno delle abitazioni.

    Due adulti e due bambini sono stati portati in codice verde all’ospedale di Busto; due altri bambini, uno di 9 e uno di 6 anni, ustionati al volto e portati all’ospedale di Legnano. Il primo sarà portato al Centro Grandi ustionati di Niguarda, il secondo a Torino con elisoccorso. Entrambi intubati. Un adulto ustionato portato con elisoccorso a Niguarda; un altro adulto ustionato portato a Monza; un adulto non ustionato ma con trauma portato all’ospedale di Varese.

    L’intervento dei vigili del fuoco sul luogo del crollo

    Sul posto i soccorritori del 118 sono intervenuti con due elicotteri, due mezzi avanzati e altre due equipe sanitarie di supporto, 10 ambulanze.

    Sono 27 le persone sfollate  dopo il crollo di parte di una palazzina avvenuto stamani e che ha coinvolto 9 persone, tutte soccorse, e non in pericolo di vita. Lo ha precisato il sindaco della cittadina, Michele Cattaneo.

    “In totale all’interno di quello stabile, composta da 12 appartamenti, vivono 27 persone, divisi in vari nuclei famigliari – ha detto all’ANSA – al momento sono tutti sfollati perche’ anche la parte della casa rimasta in piedi e’ inagibile e lo sara’ probabilmente per qualche tempo, prima che vengano effettuate tutte le verifiche di stabilita’ e che vengano terminate le operazioni di messa in sicurezza della parte crollata”. Le famiglie rimaste coinvolte nel crollo sono tre.
    Nel condominio alcuni appartamenti erano vuoti. “Le persone che vivono in quella casa al momento si trovano nell’oratorio della vicina chiesa – ha detto sindaco – molti di loro verranno ospitati da parenti e amici mentre per un paio di famiglie stiamo cercando una sistemazione temporanea”

    Articolo precedenteMusica per sognare, torna “Per Elisa” edizione 2018
    Articolo successivoPensieri Talebani- Per una Pasqua.. di accoglienza