‘Reptilia Expo’, sabato e domenica Magenta ‘capitale’ dei rettili

    108

    Appuntamento alla tensostruttura, il 25 e 26 marzo

    MAGENTA – Sabato 25 e  domenica 26 marzo, weekend dedicato alla prima tappa nazionale del Giro d’Italia di handbike che partirà da Magenta, la  Città ospiterà anche un altro evento di rilievo co-organizzato con il Comune.
    Si tratta di Reptilia Expo, la più grande e qualificata mostra italiana di rettili vivi provenienti da tutto il mondo. 
    Location dell’evento il Centro Polifunzionale di Via Matteotti. Orari: sabato 25 marzo dalle 10 alle 22, domenica 26 marzo dalle 10 alle 19.

    I visitatori potranno ammirare tanti serpenti tra i più belli e affascinanti, pitoni africani, australiani e indiani, tra cui spicca un esemplare albino di oltre sei metri di lunghezza per 150 kg. di peso, colubridi di diverse specie di tutti i continenti, il falso corallo, il serpente reale messicano, l’aggressivo pitone di Seba, una coppia di boa constrictor, il Morelia cheney (il pitone “tappeto”) , il serpente reale della California ed il boa “arcobaleno”, il serpente toro (falso serpente a sonagli), l’irascibile pitone a coda corta del Borneo (Python curtus breitensteini),  una giovane ma già temibile anaconda, il pitone verde dell’Amazzonia e tanti altri tra cui il serpente “mangiatore di serpenti”. E poi ancora serpenti velenosi opistoglifi oppure il serpente “cacciatore di pipistrelli”, il serpente degli alberi Philodryas baroni, un giovane esemplare di Aspidites ramsayi (Woma), il collerico (e velenoso) Boiga dendrophila; e tante altre specie.

    Grazie a schede informative l’esposizione approfondisce la conoscenza e lo studio di tutte le caratteristiche morfologiche, genetiche, comportamentali dei rettili. Il personale presente potrà aiutare a capire questi “insoliti” e affascinanti animali.

    Un evento che non mancherà di affascinare grandi e piccoli.

    Articolo precedenteAbbiategrasso, il ‘compagno’ Finiguerra dal ‘camerata’ Vichi: foto storica (a modo suo)
    Articolo successivoLe nostre scuse alla rete “Convochiamoci per la Pace” (ma noi sull’argomento non cambiamo idea)