Regionali, La Russa a Letizia Moratti: ‘Non si agiti’

322

 

MILANO   “Daniela Santanchè è il mio coordinatore regionale e io concordo in pieno con quello che ha detto” a proposito della crisi politica in Lombardia. A parlare è il senatore di FdI Ignazio La Russa a margine di un colloquio privato sullo stadio di Milano con il sindaco Giuseppe Sala.

Queste le parole di Santanchè su Letizia Moratti, in un’intervista rilasciata ieri a Repubblica e Corriere: “Il mio consiglio a Letizia Moratti è di non agitarsi, perchè questo non è proprio il momento, e l’intelligenza di un politico si coglie anche dalla sua capacità di scegliere i tempi”. La coordinatrice di Fratelli d’Italia in Lombardia, Daniela Santanchè, ha poi assicurato che “la questione sarà affrontata tra i leader nazionali” e che “non è ancora all’ordine del giorno”.

A tre giorni dallo strappo che lo ha portato a definire “incrinato” il rapporto con Letizia Moratti, Attilio Fontana tira dritto e si dice “assolutamente convinto” del fatto che alla fine del braccio di ferro con la sua vice sarà lui il candidato del centrodestra alle regionali del 2023 in Lombardia. Di certo la questione è intrecciata con la formazione del nuovo governo – anche se i due interessati non sembrano disposti a contropartite ministeriali in cambio di un passo indietro – e non si risolverà prima che la coalizione, che in Regione governa da 28 anni, abbia completato la squadra per Palazzo Chigi. “Io penso alla Lombardia e mi concentro sulla Lombardia”, ha risposto oggi Fontana a chi gli ha chiesto se fosse interessato all’eventuale proposta di diventare ministro dell’Autonomia. Più o meno la stessa risposta data nei giorni scorsi da Moratti rispetto all’ipotesi che le venga offerto un altro dicastero, che sia quello della Sanità o quello dell’Istruzione, dove peraltro è già stata dal 2001 al 2006.

Articolo precedente+Buccinasco, provvedimento antimafia: Comune sospende attività a gommista, plauso di Roggiani (Pd)
Articolo successivo+Tentata estorsione, assolti tutti i Legionari di Cristo del Novarese