++Regionali, il sondaggio Bibimedia: Fontana 47%, Majorino e Moratti lontani(ssimi). Partiti: FDI 31%, Pd 17

386

 

MILANO Tre sondaggi in circa dieci giorni, sulle prossime elezioni regionali che si dovrebbero tenere in Lombardia il 12 e 13 febbraio, e tutti dello stesso tenore: Attilio Fontana  e il centrodestra staccano nettamente Pierfrancesco Majorino e Letizia Moratti.

L’istituto Bidimedia ne ha pubblicato uno su candidati e partiti nella sera di venerdì 2 dicembre: stando ai numeri raccolti, Attilio Fontana sarebbe sicuro della vittoria, trascinato da Fratelli d’Italia, mentre la Lega è solo il quarto partito in Regione. E il successo del presidente uscente della Regione Lombardia è costruito in molte province, mentre la partita è aperta in pratica solo a Milano, dove Pierfrancesco Majorino è sotto di poco e Letizia Moratti ottiene il suo miglior risultato. È questo lo scenario tratteggiato dall’ultimo sondaggio di BiDiMedia sulla tornata elettorale in programma in Lombardia nei prossimi mesi. La partita è sostanzialmente ingiocabile, stando alla rilevazione dell’1 dicembre.

Il candidato del centrodestra, nello scenario base, raccoglierebbe il 47,6% delle preferenze staccando di quasi 20 punti il suo sfidante appoggiato da Pd, +Europa, Alleanza Verdi-Sinistra e Lombardi Civici Europeisti. Majorino si fermerebbe infatti al 29%. Fuori da qualsiasi partita anche l’ex vice di Fontana, candidata da Azione e Italia Viva, inchiodata al 15 per cento. BiDiMedia ha svolto la rilevazione – che fissa l’affluenza al 63% e lascia un margine di indecisi al 15% – tenendo in conto che il Movimento Cinque Stelle correrà autonomamente: un candidato pentastellato sarebbe destinato a raccogliere il 5,9% dei consensi. Mentre il 2,5% degli intervistati sembra intenzionato a votare per altri candidati.

Ma la cosa forse più interessante è il test effettuato sui singoli partiti.

Il governatore uscente costruirebbe la sua vittoria sui voti di Fratelli d’Italia, data al 31% delle preferenze. Il Pd è il secondo partito in Lombardia, accreditato del 17,2% seguito da Azione-Italia Viva in grado di sopravanzare la Lega: l’accoppiata Renzi-Calenda è all’11,8% mentre il Carroccio si fermerebbe appena all’11,4% in una delle regioni che storicamente hanno costituito un fortino di voti. I risultati del M5s sarebbero decisamente migliori rispetto al proprio candidato: 9% quindi con l’ipotesi di un forte voto disgiunto. Forza Italia è l’unico altro partito oltre il cinque (6,9), mentre Alleanza Verdi-Sinistra è al 3,7% e +Europa al 3,5%. Oltre l’1% anche Italexit di Gianluigi Paragone (1,4) e Unione Popolare (1,1).

Mancano più di due mesi al voto, insomma, ma per ora la linea pare nettamente tracciata. Poi ci sarà la campagna, certo.

Articolo precedenteE’ la Giornata Mondiale del Suolo, Legambiente: in Lombardia persi 7 metri quadri per abitante
Articolo successivo+Pavia, aizza pitbull contro agenti che dovevano (già) arrestarlo