Razzano e il PD duri sulla gestione ASM: “Vi spieghiamo le ragioni di un disastro annunciato”

    5

    “Il PD all’unisono rincara la dose. Tra gli obiettivi del Sindaco Calati e Magenta Ideale c’è il fallimento di ASM ???”. Per il primo cittadino un’altra grana

     

    MAGENTA RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO  – Vorremmo chiedere al Sindaco se fra gli obiettivi della sua nuova lista “Magenta Ideale” vi sia quello di far fallire ASM. Vorremmo chiedere come pensa di fare il Sindaco con quattro forze politiche che continuano a litigare su qualsiasi cosa, a partire dalla gestione della principale società partecipata del nostro Comune.
    ASM in questi giorni dovrebbe impegnarsi per garantire un miglioramento dei servizi: verde, parcheggi, fontane, investimenti sugli impianti di calore delle scuole. Invece è abbandonata ad una triste e continua battaglia politica fra partiti ed esponenti di centrodestra.

    Dopo anni di crescita, vedere la nostra Azienda partecipata ASM che continua a perdere pezzi del Consiglio di Amministrazione – e a quanto pare addirittura la Presidente (notizia oggi confermata con la nota ufficiale dell’azienda ndr) – ci lascia fortemente preoccupati. Così come ci preoccupa la gestione dal punto di vista occupazionale, che proprio in questi giorni ha portato alle proteste dei sindacati.
    Il Sindaco Calati, che ha la delega sulle partecipate, ora non perda tempo e intervenga con gli altri soci immediatamente, mettendo al centro il bene comune e non le liti e gli accordi politici. Lo deve ai lavoratori di ASM e ai cittadini di Magenta, per i quali dovrebbe essere al servizio.

    Sotto Elisabetta Lanticina, presidente decaduta di ASM. Per molti la nomina di Lanticina in quota a Forza Italia è da ricondursi al Sindaco di Corbetta Marco Ballarini (nella foto in alto). Una cosa a tratti grottesca, se si pensa in termini di quote il ‘peso specifico’ di Corbetta in seno alla Multi Utility di via Crivelli

    Articolo precedente‘++ Treni, Lombardia: sconti a rider. Trenord incontrerà Glovo ++
    Articolo successivoProgetto Magenta ad alzo zero: “tanta inciviltà in città, ma l’amministrazione Calati dorme sonni profondi”