Razzano attacca: “Basta palle! videosorveglianza sistemata dal 2016”

    61

    MAGENTA –  Sicurezza sempre al centro della polemica politica cittadina. Ieri al scambio polemica dalle colonne virtuali di Facebook tra il vice Sindaco Simone Gelli e l’esponente della Lega in Consiglio comunale Pia Maso da una parte e l’ex vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Paolo Razzano. Il tema di fondo è sempre quello delle telecamere e della videosorveglianza sulla quale l’Amministrazione di Chiara Calati sta investendo parecchi fondi con nuovi interventi annunciati a breve in zone sensibili come Piazza Mercato e nelle frazioni. Ma Razzano non ci sta. Soprattutto non accetta che venga sempre messo in mezzo il lavoro della vecchia Giunta. “Si stanno raccontando un sacco di fandonie ai cittadini. La nostra Amministrazione come dimostra anche l’articolo pubblicato da Ticino Notizie a luglio del 2016 ha investito fin da quell’epoca diverse risorse in quella direzione (oltre 30 mila euro ndr). Ancora una  volta – denuncia il consigliere comunale del PD – si sta strumentalizzando la vicenda sicurezza per nascondere il vuoto prospettico e di contenuti che connota ormai da tempo l’operato di quest’Amministrazione. Povera Magenta!”.

    F.V.

    https://www.ticinonotizie.it/videsorveglianza-piu-moderna-a-magenta-adesso-le-telecamere-vedono-di-piu/

    Articolo precedentePovertà, Silvia Scurati (Lega): “A Milano 1 bambino su 6 è in stato di miseria”
    Articolo successivoToti, ‘il rinnovamento del cdx proseguirà con o senza Forza Italia’