Questa sera al Lirico di Magenta, tutto esaurito per Pirandello!

    69

    MAGENTA – Dopo il grande successo firmato Massironi-Faiella, Incontroscena ritorna per l’ultimo spettacolo della stagione di prosa al Teatro Lirico di Magenta, Comune che ha promosso e sostenuto questi appuntamenti della rassegna, questa sera alle 21 al Lirico.

    Per l’occasione, in scena uno dei più grandi classici della tradizione italiana,Uno Nessuno Centomila di Pirandello, adattato e diretto da Annig Raimondi, una produzione Pacta dei Teatri. Si preannuncia già un altro tutto esaurito.

    Inizialmente Vitangelo Moscarda (Gengé per gli amici) ci viene presentato come un uomo del tutto comune e normale, senza nessun tipo di angoscia. Conduce una vita agiata e priva di problemi grazie alla banca (e alla connessa attività di usuraio) ereditata dal padre. Un giorno questa piatta tranquillità viene turbata da un commento della moglie Dida: il suo naso pende un po’ da una parte. Da questo momento la vita di Gengé cambia completamente, poiché si rende conto di apparire agli altri molto diverso da come si è sempre percepito. Così decide di trasformare il suo stile di vita, e, nella speranza di scoprire chi sia veramente, compie azioni che vanno contro a quella che era stata la sua natura sino a quel momento: sfratta una famiglia di affittuari per poi donare loro una casa, si sbarazza della banca ereditata dal padre, inizia ad ossessionare chi gli sta vicino con discorsi che lo fanno passare per pazzoe la moglie, insieme ad alcuni amici, inizia un’azione legale al fine d’interdirlo…

    Unico nel suo genere, l’umorismo pirandelliano, mescolando sapientemente comico e tragico, esprime il suo bisogno di autenticità e di libertà; l’opera è infatti concepita come il diario di un uomo che subisce direttamente le conseguenze dei processi evolutivi in corso nel mondo contemporaneo, avvertendo la propria identità sfaldarsi e perdersi nella corsa verso il progresso. Il relativismo dei punti di vista spiega allora come la pazzia sia semplicemente uno dei modi possibili di stare al mondo…

    Articolo precedenteA Magenta la prima sede italiana dell’Università della Famiglia
    Articolo successivoIl ‘Progetto Martina’ sbarca al Liceo Scientifico dell’Istituto Tirinnanzi di Legnano