Quando il cibo è cultura: l’educazione alimentare nelle scuole di Arconate

    90

    ARCONATE – Imparare a apprezzare gli alimenti con un punto di vista diverso, giocando con i cinque sensi e scoprendo il significato culturale dei piatti tradizionali. Sono questi alcuni degli obiettivi dei progetti di educazione alimentare per i bimbi delle scuole primarie di Arconate. L’iniziativa è del Comune in collaborazione con Gemeaz Eliorazienda del Gruppo Elior, numero uno della Ristorazione Collettiva in Italia.

    A partire da febbraio, gli alunni di Arconate nei prossimi mesi saranno coinvolti dalle insegnanti in diverse attività ludico-didattiche: “Il Laboratorio del Gusto”, “Sapori d’Europa – Europa Unita a Tavola”, “La Storia del cioccolato” e “La striscia del Tempo”. 

    Si parte il 7 e 9 febbraio con “Il Laboratorio del Gusto” che vedrà protagonisti 60 alunni. Sperimenteranno come sia possibile apprezzare ancora di più ciò che mangiamo utilizzando tutti e cinque sensi. E’ importante valutare il cibo, infatti, non solo attraverso il gusto ma anche con l’aspetto, l’odore, il rumore e la consistenza.

    Le iniziative rientrano nel progetto multidisciplinare per le scuole di Gemeaz Elior che si occupa della ristorazione di tutte le scuole comunali di Arconate, preparando in media circa 380 pasti al giorno. Le attività sono svolte dalla dietista Marica Venditti e coordinate da Claudia Saroni, responsabile dell’educazione alimentare del Gruppo.

    Renata MinnajaAssessore alle Politiche dell’Istruzione del Comune di Arconate, dichiara:

    mens2L’Amministrazione Comunale è particolarmente sensibile al benessere dei cittadini più piccoli e, consapevole dell’interesse dimostrato continuamente anche dai genitori verso una sana e corretta alimentazione, continua a promuovere attività che educhino i bambini alla conoscenza e sperimentazione degli alimenti che siano in grado di fornire loro il giusto apporto nutrizionale. Una corretta e divertente riflessione sull’alimentazione potrà guidare i nostri bambini ad un consumo più consapevole e responsabile del cibo, contribuendo alla costruzione di saldi principi di sana e gustosa alimentazione. Proprio in quest’ottica si continuano a promuovere e condividere gli incontri e le attività offerte dall’azienda di ristorazione che opera con serietà e professionalità nelle nostre scuole”.

    Articolo precedente#Gender: se ne parla domani sera con Le Rose di Gertrude
    Articolo successivoCalvario Adriatico: mercoledì 15 la mostra di LA & Ades a Bià