Qualità della vita, diritto dei pazienti oncologici:

    79

    Nicoletta Balzarotti si associa all’appello di estetica oncologica

    PREMESSO CHE

    • È oramai comunemente accettato che “La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia” (1° paragrafo della Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, 1946).
    • Un italiano su due e un’italiana su tre saranno costretti a sottoporsi a una terapia oncologica nel corso della loro vita.
    • La terapia oncologica è sempre più efficace in termini di sopravvivenza dei pazienti, ma produce effetti secondari e tossicità cutanee importanti, con notevoli ripercussioni sulla qualità di vita, le relazioni sociali e lo stato d’animo dei pazienti e un possibile impatto sul decorso terapeutico stesso.

    VISTO CHE

    • L’Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO) è nata allo scopo di insegnare a delle Estetiste come effettuare trattamenti di bellezza e di benessere su pazienti in terapia oncologica e così migliorare la loro qualità di vita psico-fisica.
    • I trattamenti di bellezza e benessere insegnati da APEO sono fondati su principi medico-scientifici e sono nati da una strettissima collaborazione fra le professioni sanitarie e quelle del benessere, pur nella chiara separazione delle rispettive competenze e mansioni.
    • Gli oltre 400 pazienti dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, che dal settembre 2013 si sono sottoposti ai trattamenti di bellezza e benessere effettuati da estetiste APEO, hanno testimoniato un sensibile miglioramento della loro qualità di vita, indipendentemente dal tipo e dallo stadio della loro patologia.

    CHIEDIAMO CHE

    • Venga garantito a ogni uomo e donna in terapia oncologica, in quanto persona prima ancora che malato, il diritto di mantenere per quanto possibile il proprio stile e qualità di vita, a livello personale, familiare e sociale.
    • Si promuova la formazione delle Estetiste da parte di professionisti sanitari del settore oncologico, perché quanti più pazienti possano godere degli innovativi protocolli di estetica oncologica, messi a punto con ricerche medico-scientifiche e lo studio di casi clinici di tossicità da terapia.
    • Venga favorita la creazione di un network istituzionale di operatori qualificati affinché ogni paziente oncologico possa individuare in modo semplice e sicuro dei professionisti in grado di effettuare dei trattamenti di bellezza e benessere migliorativi del suo stato psico-fisico e sinergici con la terapia antitumorale che sta seguendo.

    Per conoscere APEO e avere maggiori informazioni sul nostro Appello:info@esteticaoncologica.org

    SOTTOSCRIVI ANCHE L’APPELLO DI APEO (Associazione Professionale di Estetica Oncologica)

    http://esteticaoncologica.org/appello/

    Articolo precedenteMovimento 5 Stelle Bià: domani pomeriggio comizio in piazza
    Articolo successivoAbbiategrasso, in fiamme camion distributore dei quotidiani: edicole sguarnite