Protesta ristoratori al Pirellone: la vicinanza di De Corato, Scurati e Bastoni

    82

     

    MILANO – “È uno dei settori che ha pagato un prezzo altissimo ma che ha dimostrato di poter lavorare in totale sicurezza”. Così Silvia Scurati e Max Bastoni, consiglieri regionali della Lega a margine della protesta di ieri mattina dei ristoratori davanti a Palazzo Lombardia. “Abbiamo accompagnato una delegazione dei ristoratori dall’assessore regionale Guidesi con cui abbiamo condiviso la necessità di sollecitare il Governo ad attuare politiche di contenimento dei debiti bancari stipulati dalle imprese”, hanno spiegato Scurati e Bastoni. “Per quanto riguarda le imposte comunali abbiamo deciso di sollevare la questione al Sindaco di Milano Beppe Sala a capo anche della Città Metropolitana. È tragicamente attuale il rincaro in 10 anni. Nel caso del negozio di proprietà di 70 metri quadrati l’esborso passa da poco più di 96 euro ad oltre 400 euro, una crescita di più di tre volte e mezzo. Ormai inaccettabile vista la crisi economica causata dalla Pandemia. Imu e Tasi sugli immobili di proprietà, Tari, la tassa rifiuti, Cosap sono diventate delle lame affilate sul collo dei ristoratori e dei gestori dei bar.”

    Scurati e Bastoni hanno rinviato ulteriori azioni di concerto con Guido Guidesi, assessore regionale lombardo allo Sviluppo Economico “In ballo c’è la sopravvivenza di una rete importante dell’economia milanese e lombarda, con il rischio chiusura per l’86% dei pubblici esercizi, crollo del fatturato di oltre il 70% rispetto a un anno fa”.

    “Esprimo la mia solidarieta’ a tutta la categoria dei ristoratori, vittime incolpevoli di questa dannata pandemia. L’appello che fanno al Governo Draghi sui ristori e’ sicuramente condivisibile. Regione Lombardia ha sempre, per quanto ha potuto, aiutato la categoria ancor prima del Governo”.

    A dirlo e’ l’assessore lombardo alla Sicurezza e consigliere comunale di Milano di FdI, Riccardo De Corato, commentando una protesta dei ristoratori milanesi. “Solo a gennaio – prosegue – la Regione ha ristorato 32.000.000 di euro destinati a bar e ristoranti. E’ del tutto logico che i ristori sono una misura che deve essere finanziata dal Governo”.
    “Durante la manifestazione – conclude De Corato – e’ emerso anche il ‘problema Navigli’: da fiore all’occhiello per la citta’, sono diventati un problema per tutta la categoria che paga le colpe della non gestione del territorio da parte del Comune. Da anni denuncio quanto accade nella zona e suggerisco soluzioni, come quella di un commissariato serale sulla Darsena inserito in uno skybox, ma da Palazzo Marino nessuna risposta al problema. Si tratta di una zona lasciata in mano a centri sociali, come dimostra anche il rave party di sabato 27 febbraio, a spacciatori, ad abusivi e a criminalita’ di ogni genere”.

    Articolo precedenteForza Italia, parlamentari ed eletti sono ‘morosi’: buco da 3 milioni e 700mila euro
    Articolo successivo‘++Asst Ovest Milanese: medicina territoriale, forte investimento su Abbiategrasso e Legnano