Protesta animalista a Robecco per il sacrificio islamico: nessuna denuncia o segnalazione in Questura

108

ROBECCO SUL NAVIGLIO Si trattava di una manifestazione per la quale non è stata richiesta alcuna autorizzazione. Tuttavia non ci saranno denunce o segnalazioni alla Questura per gli animalisti che martedì mattina hanno protestato, fuori dal centro carni Chiodini di Robecco sul Naviglio. Hanno intonato slogan in maniera pacifica manifestando il loro legittimo pensiero che era quello di contrarietà verso la macellazione in generale e, in particolare, al Sacrificio islamico.

Che prevede lo sgozzamento della pecora senza previo stordimento. Gli animalisti, pur nella fermezza delle loro idee, non hanno interrotto con forza la prosecuzione dei lavori. Tutto si è svolto sotto la supervisione dei Carabinieri.

Articolo precedenteOtto italiani su 10 soffrono della sindrome di Adone
Articolo successivoLa strada. Di Emanuele Torreggiani