Prostituzione e droga: manette per 25 persone a Milano e provincia

    52

     

    MILANO – Si è conclusa l’operazione ‘Mercante in fiera’ della Squadra Mobile della Questura di Milano che ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 25 cittadini di origini albanesi e, all’esito delle perquisizioni personali e locali, sequestrato denaro contante per un totale di circa 37.000 euro, con l’ausilio, per l’esecuzione, di personale delle Squadre mobili di Firenze, Como, Ascoli Piceno, del Commissariato di Polizia di Monza e con l’ausilio di equipaggi RPCL, unità cinofila antidroga, Polizia Scientifica e personale della seconda Sezione Divisione del Personale. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Milano, hanno permesso di accertare le responsabilità degli indagati per i reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e traffico di sostanze stupefacenti.

    Le indagini dell’operazione ‘Mercante in Fier’ sono iniziate nel 2015 e hanno fatto emergere l’abitudine del pagamento di una tassa che romeni o altri sfruttatori devono pagare per far prostituire le proprie donne su un certo pezzo di marciapiede, da 50 ai 100 euro al giorno, oppure 5000 euro per un acquisto definitivo.

     

     

     

     

     

     

     

     

    L’operazione si chiama “Mercante in Fier” poiché quasi tutte le persone coinvolte sono originarie del Paese di Fier, molti sono tra loro parenti.

    L’organizzazione aveva dei capi che raccoglievano i soldi e controllavano le ragazze sfruttate, 35 in totale, albanesi, romene e moldave, di età media di 25 anni, tutte maggiorenni, ciascuna in grado di far guadagnare ai suoi sfruttatori 500 euro a notte. In parallelo gli albanesi spacciavano eroina e cocaina, sono stati sequestrati anche alcuni quantitativi di droga e dei 25 arresti 11 sono stati effettuati in flagranza di reato, per spaccio. Ogni sfruttatore gestiva 3 o 4 ragazze, durante gli arresto è sequestrato denaro contante per un totale di circa 37.000 euro.

    (Fonte: Omnimilano)

    Articolo precedenteMaculopatia, a Legnano screening gratuiti per salvare la vista
    Articolo successivoA Magenta arriva San Biagio: torna la trippata al “Forno dei Sapori”