Progetto Saffa, le ‘riflessioni’ del Comitato di Pontenuovo

    90

    Miramonti: “Senza Variante e la risoluzione al problema del traffico ci opporremo ad ogni soluzione”

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO –  Il comunitato stampa del Comitato per Pontenuovo in merito al recupero dell’area Saffa e Novaceta.

    Il progetto di recupero dell’area ex Saffa è sicuramente interessante.
    Tuttavia qualsiasi progetto in quell’area, anche la realizzazione di un parco verde, crea sicuramente ulteriori disagi e pericoli alla frazione di Pontenuovo se non si risolve prima il problema della SS11.

    Come si può pensare ad un progetto “integrato” e “fruibile” se c’è un fiume di camion e auto a separarlo dai cittadini?
    Quale sarà l’aumento di traffico pesante e di auto legato a questo progetto?
    Quali le ricadute sulla qualità della vita in Pontenuovo?

    Senza realizzare prima la Variante alla SS11 non si può mettere mano all’area Saffa!

    Ci opporremo, con forza, ad ogni progetto che si vorrà realizzare prima che il problema del traffico in Pontenuovo sia risolto definitivamente con la Variante alla SS11.

    E che dire dell’insediamento di logistica previsto nell’area Novaceta?
    Quali saranno le conseguenze sul traffico in Pontenuovo? Ci è stato detto che i camion della logistica saranno diretti all’autostrada… pur ammettendo che sarà così, cosa ne sarà della “rotondona di Malpensa” (SS11/SS336/SP225)?
    Da quando lungo la ferrovia la via De Medici è a senso unico, quella rotonda è via obbligata per collegare la frazione alla città, a Magenta.
    Come (e quando?!?) riusciremo a tornare a casa la sera?

    Per questo, chiediamo con vigore che parte degli oneri di urbanizzazione del recupero dell’area Novaceta siano investiti per ripristinare il doppio senso di circolazione in via DeMedici, ovviamente preservando l’importantissima pista ciclabile.”

     

    *Emmanuele Miramonti
    Presidente Comitato per Pontenuovo

    Articolo precedenteLegnano, Franco Tosi: il Sindaco e l’Assessore regionale Massimo Garavaglia chiedono un incontro urgente al Ministro Calenda
    Articolo successivoMagenta presentata in Casa Giacobbe la prima di “Pizza in Casa”