Progetto Magenta: il commercio locale è un patrimonio prezioso e da valorizzare a beneficio dell’intera comunità

    81

    Silvia Minardi ha incontrato i commercianti magentini e Confcommercio locale per illustrare le proposte della sua lista civica per il sostegno e il rilancio delle piccole attività commerciali: iniziative concrete e progettualità condivisa.

     

    MAGENTA – Giovedì 1 giugno, Silvia Minardi ha incontrato Confcommercio Magenta – incontro che fa seguito ad altri con i commercianti locali magentini – per presentare il proprio programma a sostegno delle piccole attività commerciali e confrontarsi su priorità e progetti condivisi.
    “Il dialogo costante con i commercianti locali è per noi un punto fondamentale, perché riteniamo il futuro delle piccole attività commerciali sia un tema chiave per tutta la cittadinanza.” – commenta il candidato Sindaco Silvia Minardi. “Mai come oggi, dopo anni di crisi che hanno visto la chiusura di tanti negozi, c’è bisogno di un piano coerente e concreto di sostegno e rilancio del commercio locale, che sappia valorizzare un patrimonio prezioso per l’intera comunità”.
    Le piccole attività commerciali rivestono, infatti, un ruolo fondamentale nel tessuto economico e sociale della nostra comunità. Oltre ad essere uno dei motori dell’economia cittadina, i negozi garantiscono il servizio di vicinato nei diversi quartieri: offrono così un aiuto prezioso per le fasce più deboli della popolazione, come gli anziani, e un luogo di socialità e di incontro dove la relazione e il servizio personalizzato sono un valore aggiunto insostituibile.
    Non solo. Con la loro presenza contribuiscono al mantenimento del decoro urbano e concorrono a dare un’identità e una personalità riconoscibili alla città.
    In sintesi, le proposte di Progetto Magenta per il Commercio Locale:
    • un piano di agevolazioni burocratiche per le iniziative promosse dai negozi di quartiere, che preveda lo snellimento delle procedure
    • un fondo annuale, da valutare e gestire in collaborazione con i commercianti stessi, riservato alla valorizzazione dei sistemi commerciali locali: tramite bando pubblico verranno finanziati progetti innovativi con attenzione particolare alle iniziative che favoriscono la creazione di negozi e punti vendita anche al di fuori del perimetro del centro
    • il miglioramento dei collegamenti fra zone commerciali e periferie per fare in modo che sia più semplice per i cittadini recarsi in queste aree che in un centro commerciale fuori città;
    • la razionalizzazione delle aree di fermata e di sosta in città attraverso: l’introduzione di una soluzione che consenta di parcheggiare in centro gratuitamente per i primi 60 minuti; la suddivisione del Multipiano di via De Gasperi in tre fasce: un piano gratuito (o a tariffa speciale) per i residenti, uno a tariffa ragionevolmente convenzionata e sostenibile per i pendolari, ed uno a tariffa piena e progressiva come per le altre zone di breve sosta;
    • un piano d’azione per la creazione di tanti piccoli “centri commerciali naturali” da vivere in ogni periodo dell’anno, dove sia piacevole fare acquisti, passeggiando in un’area bella, accogliente, pulita e con tanti servizi;
    • un progetto ad hoc, in collaborazione anche con il Parco del Ticino, che faccia leva sulla valorizzazione della filiera locale, valorizzando la rete distributiva di prodotti “Made in Magenta” attraverso i negozi della città;
    • iniziative per dotare di alcuni servizi essenziali le aree mercatali esistenti, sia al servizio dei commercianti che degli utenti;
    • un piano per la sicurezza di tutta la città – di cui beneficeranno quindi anche le attività commerciali . che prevede di: potenziare, in modo stabile, il turno serale del servizio di Vigilanza; istituire il vigile di prossimità; creare pattuglie bici-montate e moto-montate della Polizia Locale; installare e potenziare telecamere per la messa in sicurezza di alcune zone già individuate come problematiche. Proprio su quest’ultimo punto, Progetto Magenta si impegna a reperire fondi regionali con cui “rimborsare” – sotto forma di sgravi/detrazioni su Imu e Tasi – privati, aziende e commercianti che decideranno di dotarsi di impianti di videosorveglianza.
    Nel corso dell’incontro sono emersi interessanti punti di incontro sul tema del reperimento di fondi e risorse attraverso l’uso di bandi sia regionali che europei oltre alla dimensione territoriale delle proposte: Magenta deve tornare a guidare il territorio detto del “Magentino” recuperando centralità e autorevolezza.
    Progetto Magenta continuerà nel percorso di ascolto attento e di stretta collaborazione con Confcommercio e tutti i commercianti magentini per elaborare progetti e strategie, anche alternative, che permettano di rispondere al mutare delle esigenze nel corso del tempo e di essere sempre pronti a cogliere eventuali opportunità.

    (fonte: comunicato stampa)

    Articolo precedenteFrancesco Lara Monno ci scrive: a proposito di me…
    Articolo successivoMagenta, “l’endorsement” di Mariarosa Cuciniello per Chiara Calati