Progetto Magenta e l’amianto nell’ex Novaceta: “Toh ma che sorpresa, l’assessore Cattaneo ha una nuova delega! (quella al nulla…)”

    109

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO – Abbiamo presentato una interrogazione sulla presenza di amianto nell’area ex Novaceta che conteneva due domande molto precise. La prima domanda riguardava i risultati della mappatura, sull’intera area ex Novaceta, della presenza di materiali contenenti amianto e fibre minerali, la valutazione dei rischi derivanti dall’eventuale loro presenza e l’indice di degrado delle coperture, visto che tale studio era stato presentato dai proprietari dell’area
    sia in Comune sia presso l’ASL competente già nel 2013.
    Nella nostra domanda si chiedeva di conoscere il “contenuto della mappatura” e gli “eventuali provvedimenti della Amministrazione Comunale”.
    Di fronte a questa nostra richiesta, che non lascia spazio a interpretazione alcuna, l’assessore Cattaneo risponde in questo modo: “I contenuti della mappatura presentata da Unicredit Leasing e i provvedimenti assunti dall’Amministrazione Comunale potranno essere messi a disposizione in evasione a richiesta di accesso agli atti la quale avverrà con la tempistica determinata dalla complessità del fascicolo”.

     

     

     

     

     

     

     

     

    Traducendo il poliburocratichese in italiano, l’assessore Cattaneo impiega un mese per dire ad un consigliere comunale di fare una richiesta di accesso agli atti per poter prendere visione dei risultati della mappatura e soprattutto, afferma di volersi prendere tutto il tempo necessario per evadere una eventuale richiesta di accesso alla documentazione perché il fascicolo è complesso!
    Progetto Magenta ritiene che di fronte ad una mappatura di materiali pericolosi tuttora presenti nell’area ex Novaceta e che conterrà, molto probabilmente, informazioni importanti per la tutela della salute pubblica, l’assessore Cattaneo abbia candidamente ammesso di non avere fatto ancora nulla. E soprattutto dice sempre molto candidamente che non intende fare nulla: si prenderebbe addirittura del tempo in più di fronte ad una eventuale richiesta di accesso agli
    atti da parte di un consigliere comunale perché il fascicolo è complesso.
    Premesso che il contenuto della mappatura dovrebbe essere di grande interesse per l’Amministrazione dato che stiamo parlando di materiali pericolosi per la salute pubblica, sarebbe bene che l’assessore si facesse carico di capire cosa fare SUBITO e non “con la tempistica determinata dalla complessità del fascicolo”.
    La seconda domanda riguardava, nello specifico, gli impianti presenti e non solo l’area: c’è una ingiunzione del Comune che chiede ai proprietari di procedere alla “stima” dell’amianto e degli altri materiali nocivi presenti negli impianti.
    L’ingiunzione c’è ed è diventata addirittura esecutiva. La domanda che abbiamo posto chiedeva di sapere cosa l’Amministrazione Comunale intendesse fare perché “il proprietario dell’impianto ottemperasse all’obbligo di procedere alla stima dell’amianto e degli altri minerali pericolosi disposto dall’ingiunzione divenuta definitiva”.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    La risposta che abbiamo ricevuto è semplicemente incomprensibile: “Si è provveduto a coinvolgere ATS e Regione Lombardia chiedendo di procedere secondo quanto previsto dall’art. 8bis della LR 17/2003 ovvero di provvedere ad effettuare la stima dello stato di conservazione dell’amianto o del materiale contenente amianto presente nella ex centrale termoelettrica stante che nulla è pervenuta (sic!) da parte di nessuno dei due soggetti coinvolti”.
    L’assessore dice di aver “coinvolto ATS e Regione Lombardia” senza nemmeno citare con quale provvedimento e in che data; dice che “nulla è pervenuto” e, quindi, l’assessore Cattaneo cosa fa? Semplicemente nulla. Di fronte al nulla pervenuto, l’assessore al nulla non fa nulla. Almeno in questo è coerente con la delega che, evidentemente, si deve essere nel frattempo guadagnata: la delega al nulla.

     

    Silvia Minardi
    Capogruppo

    Consigliere Comunale Progetto Magenta

     

     

     

    Si rimanda al sito di Progetto Magenta per prendere visione del testo dell’interrogazione e della risposta dell’assessore Cattaneo:
    www.progettomagenta.org/pm/index.php/consiglio-comunale-2/

    Articolo precedenteChiara Calati: “Il prossimo passo, l’ingresso di Magenta nel Consorzio dei Comuni dei Navigli”
    Articolo successivoEstate; alimentazione e termoregolazione