Prog Music Festival, oggi e domani l’ultimo sogno di Lele Corti alla Caremma di Besate

    98

     

    BESATE – Se ci fosse ancora il grande Demetrio Stratos, ci andrebbe di sicuro. Ma anche se non potrà esserci fisicamente, sarà un po’ come se ci fosse anche lui.

    L’ultima trovata e l’ultima utopia di Lele Corti, patron di cascina Caremma, è quanto andrà in scena oggi e domani- sabato 17 a domenica 18 giugno 2017- nell’azienda agrituristica di Besate, dove  è in programma il Prog and Frogs Music Festival, due giorni di pace, amore, folk e progressive. Un weekend a tutta musica con una due giorni dedicata al Prog and Frog, senza dimenticare il benessere e lo shopping new age.

    Sabato 17 giugno, dalle 18, l’ex fienile di Cascina Caremma si trasforma nel palcoscenico perfetto dove si esibiscono gli Acoustic Tri-On, i Cellar Noise e i Maxophone, che aprono il music festival interpretando in modo coinvolgente musiche folk e progressive in un’atmosfera di pace e amore, complice il verde del Parco del Ticino.

    La giornata di domenica 18 giugno inizia, invece, alle 9 con una mattinata dedicata alla pratica di Yoga Kundalini, bagno di suono con campane di cristallo. Dalle 18, ancora musica prog and folk con le speciali exhibitions di Floating Frequencies, Mau di Tollo, Unreal City, Garybaldi, CFC. Prog and Frogs non è solo Music, ma anche shopping, poiché dalle 14, di entrambe le due giornate, è allestito un mercatino new age che offre al pubblico una scelta di prodotti unici. Il Festival non dimentica l’aspetto enogastronomico grazie a uno Street Food realizzato dalla cucina di Cascina Caremma, che darà vita a cene Bio, degustazioni di vini e birre bio e spuntini sull’ex fienile.

    Sempre domenica 18, alle ore 17, presentazione di The Rock is dead, l’ultimo libro di Federico Traversa, edito da Chinascki e con prefazione di Omar Pedrini.

    E il sogno, a cascina Caremma, continua imperterrito dal 1988..

    Info: 02 9050020, www.caremma.com

    Articolo precedente#Nonsolocultura: Invernizzi tenta il tutto per tutto
    Articolo successivoMarcallo: il ‘Salamino d’Oro’ ad Alessandro Scardellato