Pro Loco Magenta: in gita a Bergamo alta e al castello di Malpaga

    163

    MAGENTA –  La sfida di costruire una magica cittadella che rimanesse sospesa tra cielo e terra come un sogno, avvenne in Lombardia a BERGAMO ALTA. Domenica 26 marzo 2017 la Pro Loco di Magenta organizza la visita guidata di questo gioiello di città che si presenta come un salotto da vivere tra arte, cultura e natura. Passeggiando per le strette vie medioevali, in una straordinaria atmosfera del passato tra piazze e chiese romaniche, opere d’arte, vicoli lastricati e palazzi dalle splendide facciate, si incontrano testimonianze degli uomini che vi hanno vissuto come Bartolomeo Colleoni, Gaetano Donizzetti, Lorenzo Lotto, in un intreccio di piacevoli scoperte. Da visitare in particolare: Piazza Vecchia con il Palazzo della Ragione e la Torre Civica, Piazza Duomo con la Cattedrale di S. Alessandro, la Basilica di S. Maria Maggiore, la Cappella Colleoni e il Battistero, fi no ad arrivare alla Rocca da cui (tempo permettendo) ammirare uno spettacolare panorama.

    Un altro gioiello che visiteremo sarà, nei dintorni di Bergamo, il CASTELLO DI MALPAGA, voluto da Bartolomeo Colleoni. Visitandolo, ci si trova di fronte ad un’apoteosi di colori tesi ad esaltare la fi gura del condottiero. Proprio questi colori ingentiliscono il maniero il quale si presenta, all’esterno, nella sua architettura militare, rude e minacciosa, ma addolcito, all’interno, dalle mani degli artisti che via via, nel corso dei secoli, si sono succeduti lasciando testimonianza degli usi e del modus vivendi dell’epoca in cui sono vissuti.

    Il programma:
    ore 7,30 partenza da Magenta Piazza Mercato
    ore 9,15 arrivo a Bergamo incontro con la guida
    ore 9,30 funicolare per Bergamo Alta e inizio visita città
    ore 13,00 pranzo in agriturismo nei dintorni di Bergamo
    ore 15,30 visita castello di Malpaga
    ore 18,00 ritorno a Magenta

    Per eventuali informazioni o iscrizioni telefonare in Segreteria Pro Loco tel. 02.97291515 da lunedì a giovedì dalle ore 16 alle 18 o sabato mattina dalle ore 10 alle 12. 

    Articolo precedenteBoffalora sopra Ticino: da domenica 5 marzo i “dottori della bicicletta” sempre aperti!
    Articolo successivo“Basta con tutto in piazza”: Adriano Porta guida la “rivolta”