Primo giorno di scuola, la mongolfiera delle emozioni inizia il suo viaggio

61

MAGENTA  – Mongolfiere colorate che lasciano gli ormeggi e iniziano il viaggio nel cielo azzurro; meta: diventare cittadini del mondo. Con questa metafora gli alunni delle classi quinte della scuola Primaria Santa Caterina hanno accolto e accompagnato, insieme agli insegnanti, i primini nella nuova avventura. Perché la prima campanella è sempre emozionante per i piccoli alunni e per i loro genitori, tutti presenti in palestra per assistere ad un evento unico.  “Qui inizia un percorso lungo e articolato, che vedrà ciascuno di questi bambini crescere e diventare cittadini del mondo. La scuola conferma il suo ruolo di palestra di vita e cittadinanza – ha ricordato Davide Basano, Dirigente Scolastico dell’Istituto Carlo Fontana, che ha presentato le novità strutturali e organizzative all’interno del plesso – e il grazie per questa fatica positiva va agli alunni e ai loro insegnanti, che hanno la collaborazione delle famiglie”.
Emozione palpabile sugli spalti quando sono stati chiamati i bambini che hanno raggiunto le nuove maestre nelle parole del sindaco, che aveva frequentato le elementari proprio alla Santa Caterina “questi anni, compagni e insegnanti compresi, restano per me tra i ricordi più emozionanti”.
Il momento è stato anche l’occasione per fare il punto sui recenti lavori che hanno presentato spazi rinnovati nella scuola magentina, in seguito al trasferimento temporaneo della scuola dell’Infanzia Fornaroli, “frutto di accordi e collaborazione tra l’Istituto e l’Amministrazione comunale, che nonostante il poco tempo a disposizione ha dato alla città una soluzione adeguata alle esigenze di ognuno. Sono stati inoltre realizzati interventi non programmati. Ciò significa che l’attenzione del Comune alle strutture scolastiche cittadine è alto”, ha affermato il primo cittadino Chiara Calati.
Come il sindaco, anche gli assessori sono stati impegnati in mattinata a portare in ogni scuola del territorio il saluto dell’Amministrazione.

Articolo precedente“Vola solo chi osa farlo”. Il primo giorno di Scuola alle Canossiane di Magenta
Articolo successivoIl CIEF risponde a Francesco Bigogno: “La nostra scelta si sta rivelando più che mai azzeccata”