Primarie Pd, anche l’Est Ticino incorona Renzi: i risultati

    95

    Riceviamo e pubblichiamo dal Pd di zona

     

    MAGENTINO ABBIATENSE – Un grazie a tutti i volontari che hanno garantito l’organizzazione di questo bellissimo momento di democrazia.

    E’ stata per noi tutti una soddisfazione incontrare tante persone ai seggi delle primarie che ci hanno espresso di persona la loro fiducia ed il loro incoraggiamento per il Partito Democratico.

    Per noi il sistema democratico delle primarie è lo strumento migliore per consentire alla gente di scegliere i programmi e i contenuti dell’area politica a cui fanno riferimento.

    Auspichiamo che nel prossimo futuro questo strumento possa essere utilizzato anche dagli altri schieramenti che oggi sono governati in modo profondamente diverso.

    Il Partito Democratico riparte ora più forte di prima: sul piano nazionale ma anche su quello locale.

    Il PD continuerà ad essere il motore di cambiamento per l’Italia e per l’Europa.

    Il primo banco di prova saranno le prossime consultazioni amministrative.

    Nel nostro territorio sono interessati i due più grandi comuni del territorio: Abbiategrasso e Magenta.

    Il risultato delle primarie è certamente un buon viatico anche per questi appuntamenti.

    Marco Re – Segretario PD Est Ticino (Magentino-Abbiatense)

     

    Di seguito i dati con: città, votanti totali, voti per Matteo Renzi e voti per Andrea Orlando

    BAREGGIO 365 290 74
    CORBETTA 378 291 83
    ARLUNO 268 220 45
    SEDRIANO 216 165 48
    MAGENTA 594 471 127
    ABBIATEGRASSO 667 493 174
    ROBECCO S.NAVIGLIO 144 108 36
    BOFFALORA 75 62 12
    MESERO 138 111 26
    MOTTA V.-OZZERO-BESATE 167 124 43
    S.STEFANO T. 139 117 21
    VITTUONE 226 172 49
    ROSATE-GUDO-ZELO-VERMEZZO 273 208 65
    ALBAIRATE 110 87 22
    CISLIANO 125 99 25
    OSSONA 90 82 7
    MARCALLO 104 83 21

     

     

    Articolo precedenteAllarme siccità: i Consorzi e Regione scrivono al Ministro Galletti
    Articolo successivoMagenta, Razzano e il Pd mediano: ‘scoppia la pace’ con Bastianello e Prato (anche se la terza lista non si farà)