Prima Cuggiono e Castelletto, la svolta: Marco Maltagliati candidato sindaco

    131

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    CUGGIONO Ormai da mesi Cristian Vener e Giullian Soldadino di ‘PRIMA CUGGIONO E CASTELLETTO’ lavorano  ininterrottamente per trovare un’alternativa credibile da proporre alla guida del  comune.

    Vigore, coraggio, competenza e solidità di squadra sono gli ingredienti di cui  Cuggiono ha bisogno. Un vero e proprio SHOCK per evitare che Cuggiono e Castelletto sprofondino in un regredire pericoloso.
    “Il nostro gruppo/lista civica ‘Prima Cuggiono e Castelletto’ si è rafforzato con persone motivate, esperte e con tanta voglia di fare per un paese fermo. La fiducia riposta in  tutta la nostra squadra è massima e si basa su molte competenze e professionalità. La  voglia di fare rinascere il nostro paese e dare una scossa forte è la nostra missione. Il  rispetto, l’ascolto dei cittadini, l’esecuzione del programma elettorale e l’attenzione
    per nuove sfide che si presenteranno in corso d’opera sono le fondamenta per un  cambio di passo e per un futuro giovane e da costruire.”

    Così Cristian Vener – già  Vicesindaco e assessore – “In tanti mi avrebbero voluto come candidato sindaco, ma  la coerenza e il non avere attaccamento alla poltrona, come già dimostrato, mi  permette, umilmente, di mettermi da parte e per valorizzare un giovane forte e pieno  di energia che sarà il futuro del nostro paese. Rimango comunque nella lista come  candidato, forte di esperienza e con voglia di fare per il mio paese, i miei concittadini e il mio gruppo.” Conclude: “Mi e stato detto di avere un brutto carattere. Alle critiche rispondo che ho  ‘il mio carattere’ che mette al primo posto il rispetto dei cittadini, del fare non del  parlare. Le poltrone di rappresentanza e il ‘non fare’ lo lascio a chi la colla non se la  vuole togliere.”

    I fondatori di ‘Prima Cuggiono e Castelletto’ sono consapevoli che la prossima  Amministrazione dovrà affrontare una grande sfida per il rilancio del comune.

    “La politica la fanno le persone e Cuggiono ha bisogno di nuovo vigore e di coraggio.  Ha bisogno dei suoi giovani e della competenza necessaria a governare fenomeni che saranno in agenda dal prossimo Autunno.
    In primis: la gestione del post Covid. Alla drammaticità sanitaria, che ad oggi è ancora  attenzionata, si aggiungeranno emergenze economiche che, alle prime proiezioni,  risultano davvero molto gravi. Avremo nostri concittadini che perderanno il lavoro,  situazioni di nuove povertà che andranno ad aggiungere a quello storicamente prese  in carico. Avremo i nostri bambini che, con le loro famiglie, andranno ad affrontare un
    nuovo Anno Scolastico ancora pieno di incognite! Avremo le nostre aziende e i nostri  commercianti che, dopo lunghi mesi di lock down, dovranno faticosamente cercare di  sopravvivere! Il ruolo centrale dell’Ente Locale, per vicinanza dei cittadini, dovrà essere  interpretato in tutta la sua azione proattiva.” Così Giuliana Soldadino – già Assessore  e tra i fondatori di ‘Prima Cuggiono e Castelletto’ ‐ “La capacità di avere relazioni con
    l’Associazionismo, la fiducia nelle esperienze altrui, la consapevolezza che nessuno  potrà fare da solo, sarà per noi il filo conduttore per arrivare ai risultati: non ci  interessano atteggiamenti autoreferenziali ma esclusiva azione di servizio.

    La  differenza la faranno il vigore, l’entusiasmo, il sapere innovare e il sapere essere al  passo con il tempo e la voglia di vivere dei giovani, che potranno identificarsi nel nostro  giovane Candidato Sindaco. La differenza la faranno le competenze della squadra a disposizione per un necessario salto di qualità! L’interazione tra generazioni, ci ha  fatto maturare la consapevolezza che per Cuggiono siano necessarie opere e una
    rivoluzione sugli approcci urbanistici, viabilità e accesso.”

    Conclude: “Il nostro programma sarà quindi dedicato, oltre a tutto quanto necessario  in materia di ‘post Covid’, a questioni di urbanistica e sviluppo del turismo. Abbiamo  tutti bisogno delle giovani generazioni: abbiamo delle responsabilità sia per il loro  futuro, che per la loro crescita responsabile e civicamente motivata. Ecco perché  chiediamo a gran voce di esprimere un consenso forte per un giovane Sindaco, che  proviene da una famiglia tradizionalmente impegnata politicamente che ha  trasmesso un DNA di impegno e di fiducia.”

    Sono stati mesi complessi durante i quali ‘Prima Cuggiono e Castelletto’ non ha mai  smesso – nonostante l’emergenza Coronavirus ‐ di ascoltare e allargare i propri  orizzonti per il bene dei cittadini. Tante sono le persone coinvolte nella squadra che  hanno deciso di mettersi in gioco per il bene di Cuggiono e Castelletto: da storici  rappresentanti del civismo ad esponenti dell’associazionismo locale.

    Così Claudia Pallanca, già candidato sindaco per la lista civica ‘Agorà’ alle
    amministrative 2018 e che ha deciso di sposare il progetto di ‘Prima Cuggiono e  Castelletto’: “Da sempre per mia particolare sensibilità ‘combatto’ affinché il mio, il  nostro paese, sia vivibile per le famiglie ed i giovani. Per dare una iniezione di energia e di concreto rinnovamento al ‘nostro Cuggiono’ è necessario un gruppo di persone  competenti e determinate che abbiano entusiasmo e una grande voglia di fare”.

    Conclude: “Ho scelto di lavorare in questo gruppo, composto da personalità molto  diverse, ma tutte animate da un grande senso civico e da un forte amore per Cuggiono  e Castelletto, perché sono convinta che insieme saremo davvero in grado di cambiare  le cose. Abbiamo un programma concreto e realizzabile, orientato ai bisogni della  gente. Il nostro candidato Sindaco sarà la piena espressione di un paese che ha voglia
    di affrontare con energia, determinazione e competenza un cambiamento positivo.”

    La voglia di tornare ad una politica del ‘fare’ per i cittadini di Cuggiono e Castelletto,  hanno fatto si che il gruppo indicasse quale candidato alla carica di Primo Cittadino,  una faccia nuova, pulita e con tanto entusiasmo: MARCO MALTAGLIATI.

    “Ho ventotto anni, sono nato a Magenta ma cresciuto a Cuggiono, di famiglia con  origini magentine, da generazioni impegnata nella politica del nostro territorio.  Diplomato in ragioneria e programmazione, lavoro presso una nota azienda  cuggionese di medie dimensioni come Responsabile Marketing e Comunicazione. Sono  esperto di social media ed e‐commerce. Ho partecipato alla nascita del progetto bike‐
    sharing del Comune di Milano ed ho contribuito alla nascita di una start‐up che oggi  distribuisce prodotti in tutto il mondo.
    Fidanzato con Ilaria, conosco bene Cuggiono, i suoi abitanti ed il suo tessuto sociale e  produttivo. Sono appassionato di sport in generale con una predilezione per calcio e  ciclismo.”

    Continua Maltagliati: “Dopo lunga riflessione ho capito che era il momento di mettere  al servizio del mio paese il mio modo di essere. Essere cioè un Sindaco disponibile  all’ascolto, sempre alla ricerca del confronto, determinato a compiere scelte condivise,  impegnato a valorizzare ciò che di bello propone il nostro fantastico territorio.  Mi presento con una squadra forte, fatta di donne e uomini, che potranno supportarmi  con una grandissima esperienza politica e di territorio, ma anche con volti nuovi e  volenterosi.  Intendo portare l’energia e la determinazione dei miei 28 anni, supportato da una  squadra di persone competenti ed appassionata, sono pronto ad assumermi con entusiasmo l’impegno di diventare un primo cittadino realmente rappresentativo  della nostra comunità per trasformare Cuggiono in un paese dove sia un piacere  vivere. Nei prossimi
    giorni mi piacerebbe incontrarvi per illustrarvi il programma che il nostro gruppo  propone, presso il gazebo ‘Prima Cuggiono e Castelletto’, in Piazza Mercato sabato  mattina 18 e 25 luglio, e presso la sede di ‘Prima Cuggiono e Castelletto’ in Piazza della  Vittoria.”  Prima Cuggiono e Castelletto: non solo uno slogan, ma un’azione concreta e coerente.

    Articolo precedenteVittuone: il coraggio della Lega e una poltrona per due, che ticket, Lovati-Miglio…
    Articolo successivoLa Lombardia ha deciso: 2 aprile, giornata della riconoscenza Alpina