+Presentata da Attilio Fontana e Daniela Santanché la stagione invernale in Lombardia

177

 

MILANO  Presentate al Belvedere di Palazzo Lombardia le novità della stagione invernale 2022-2023, a partire dalla riapertura degli impianti sciistici, gli eventi sul territorio e le opere di restyling in vista dei Giochi Invernali Olimpici e Paralimpic Milano Cortina 2026.

Sono intervenuti all’evento Daniela Santanchè, ministro del Turismo, Attilio Fontana, governatore della Lombardia, Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda.
Fontana: turismo uno degli asset principali per il suo sviluppo
“Regione Lombardia ha riconosciuto nel turismo – ha sottolineato il presidente Attilio Fontana – uno degli asset principali per il suo sviluppo. E tale e tanta è la nostra attenzione per questo comparto fondamentale della nostra economia che investiamo risorse, energie, strutture per fare in modo siano sempre le migliori”.
“Nelle scorse settimane, con il tour ‘Aree Interne’ – ha proseguito il governatore – ho visitato molti dei luoghi protagonisti di questo inizio della nuova stagione turistica invernale. Il nostro sostegno concreto ha permesso a molte di esse di presentarsi con impianti rinnovati e più efficienti”.
“Davanti a noi – ha detto ancora Fontana – ci sono due grandi eventi che certamente contribuiranno ad incrementare l’attrattività delle nostre montagne. Nel dettaglio: i Master Games del 2024 e, due anni dopo, le Olimpiadi invernali-Milano Cortina 2026. Ci arriveremo con tutto quello che serve in termini di servizi, collegamenti, trasporti, per fare un’ottima figura a livello internazionale”.
Santanché: dobbiamo essere orgogliosi della nostra Lombardia
“Dobbiamo essere orgogliosi della nostra Lombarda – ha dichiarato il ministro Santanchè – e consapevoli che il turismo è il petrolio per l’Italia, oltre che una straordinaria opportunità per creare posti di lavoro per i nostri giovani”.
“Ho fatto una mia personale battaglia – ha evidenziato il ministro – affinché nella legge di bilancio fossero inserite le risorse necessarie ad offrire contributi in quota capitale per l’ammodernamento degli impianti di risalita. Il nostro obiettivo, nei cinque anni di governo che ci attendono, è lavorare per fare in modo che il turismo diventi un pilastro dell’economia del nostro Paese. Sarà strategico utilizzare in maniera strategica ed efficace anche i fondi europei di coesione e sviluppo”.
Magoni: l’offerta lombarda abbraccia desideri ed esigenze di tutti
“Regione Lombardia è pronta a vivere – ha dichiarato l’assessore Magoni – una stagione turistica invernale ricca ed estremamente varia, all’insegna del divertimento, dello sport, della buona cucina oltre che di arte, storia, cultura. Un’offerta ampia che abbraccia desideri ed esigenze di tutti, dalle coppie alle famiglie con bambini, fino ai giovani desiderosi di vivere esperienze straordinarie, nuove e a stretto contatto con la natura”.
“Il turismo montano – ha rimarcato – continua ad essere un ambito strategico attraverso cui promuovere la nostra bella Regione in Italia e all’estero; specialmente in vista dei due grandi eventi che vedranno la Lombardia protagonista indiscussa: Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 e Milano Cortina 2026. In una prospettiva internazionale intendiamo promuovere la prossimità della montagna a Milano. In questo modo, coniugare la naturalità e la genuinità di una vacanza attiva con l’esperienza di lifestyle urbana. Da anni siamo impegnati in azioni mirate ed efficaci, che puntano a sostenere l’offerta turistica specifica della montagna. Quest’anno con importanti investimenti anche nell’attività di promozione, volti a esaltare le tante peculiarità dei nostri territori”.
“La Lombardia – ha concluso – è la terra delle eccellenze, delle bellezze sorprendenti e mozzafiato. La presenza dell’alta, media e bassa montagna con ben 27 comprensori sciistici, centri termali prestigiosi e un’incredibile varietà di sport praticabili la rendono meta ideale per le vacanze invernali di turisti a caccia di momenti unici e irripetibili”.
Terzi: anche quest’anno i ‘ Treni della neve’
“Anche quest’anno le proposte per i ‘Treni della neve’ sono un tassello della più ampia iniziativa ‘Gite in treno’, itinerari ferroviari per il tempo libero pensati per promuovere un turismo sostenibile e di prossimità verso le splendide località lombarde”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi nell’ambito della presentazione della stagione turistica invernale 2022-2023.
“Si tratta – ha proseguito Terzi – di un progetto unico in Italia, nato nel 2016 dalla collaborazione tra Trenord e il territorio. Con un unico biglietto e un’unica piattaforma, consente di usufruire di più servizi e di pacchetti integrati treno-navetta-skipass”.
Presenti i territori
Presenti all’incontro anche gli esponenti dei territori: Graziano Pennacchio, amministratore delegato di Visit Brescia, Lucia Simonelli, project manager di Valtellina Turismo; Christophe Sanchez, amministratore delegato di Visit Bergamo e Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord per la presentazione dei treni della neve.
Tante le esperienze da vivere tra sport, cultura, wellness e gastronomia, proposte dalle diverse località montane, dalla Valtellina alle Valli Bergamasche e Bresciane fino all’area di Lecco e Como.
La stagione invernale si preannuncia ricca di opportunità per la montagna lombarda, caratterizzata anche dal lavoro di pianificazione delle Olimpiadi Invernali 2026. Il turismo montano è uno degli ambiti strategici nel posizionamento turistico della destinazione Lombardia che è al 4° posto in Italia per chilometri di piste; in 3° posizione per numero di comprensori/impianti.
Livigno e Bormio saranno le grandi protagoniste delle Olimpiadi Invernali 2026
Il comprensorio di Livigno, che ha aperto gli impianti dal 28 ottobre per lo sci di fondo e dal 3 dicembre per tutti gli impianti di risalita, ospiterà in questa nuova stagione tutte le gare di freestyle. Oltre ai campi gara ci sarà una Medal Plaza dove si svolgeranno tutte le cerimonie ufficiali di premiazione.
“La Valtellina è la meta bianca perfetta per vivere la magia della neve – questo il commento di Lucia Simonelli, project manager di Valtellina Turismo – con una offerta che spazia dallo sci alle ciaspole e sci di fondo fino allo sleddog e snowkite, oltre all’offerta integrata Treno della Neve che unisce il piacere del viaggio al fascino della neve. Ma la Valtellina significa anche una enogastronomia di eccellenza e una offerta culturale di grande livello”.
Tra gli eventi sportivi più importanti si segnalano, la gara gran fondo Sgambeda il 18 dicembre e la World Rookie Fest / Sunrise Mattias il 21 gennaio 2023.
I comprensori della Valtellina
Il Comprensorio di Bormio ospiterà, invece, dal 10 al 13 novembre Alta Valtellina Trophy, dal 6 al 7 dicembre la Coppa Europa a Santa Caterina Valfurva, dal 28 a 29 dicembre la Coppa del Mondo Fis Sci Alpino – Discesa Libera e Super G. E il 17 gennaio accoglierà invece le gare di Skimo (sci-alpinismo) che per la prima volta nella storia diventa disciplina olimpica.
Il Comprensorio Aprica presenta un nuovo Museo dello Sci, con centinaia di paia di questo strumento e antiche attrezzature che raccontano la storia del mondo sciistico.
Tra le novità di Madesimo, che aprirà gli impianti il 26 novembre, c’è Homeland. Il programma che intende offrire a tutti, dal neofita allo skialper gia` con esperienza, una serie di opportunita` da vivere sulle montagne circostanti il villaggio alpino di Montespluga.
Il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco, che aprirà gli impianti il 3 e 4 dicembre, ha tra le novità il Treno della Neve (treno navetta + ski pass o treno navetta + ciaspole); il progetto In Bici sulla Neve (nuovi percorsi con le FatBike); un potenziamento dei percorsi per ciaspole e infine la manifestazione ‘Mogulscamp’ e la ‘Coppa del Mondo Free style ski’ il 10 e l’11 febbraio.
Per approfondimenti: https://www.valtellina.it/
Anche per Bergamo è un anno importante dato che sarà, insieme a Brescia, Capitale della Cultura 2023
L’intero territorio di montagna merita di essere esplorato: tra le tre valli sono presenti 300 km di piste e i 14 anelli per il fondo.
La maggior parte degli impianti ha in previsione di dare il via alla stagione invernale il 3 dicembre e le stazioni si stanno preparando per un restyling in grande stile, in vista soprattutto delle Olimpiadi 2026.
“Le Orobie sono le valli più vicine a Milano – questo il commento dell’amministratore delegato di Visit Bergamo Christophe Sanchez -. Sono inoltre collegate con più di cento destinazioni europee grazie all’aeroporto di Orio al Serio. La maggior parte delle stazioni sciistiche iniziano la loro attività il 3 dicembre. Oltre allo sci, le montagne bergamasche garantiscono un’offerta completa e competitiva grazie alla rete dei rifugi e alla professionalità di tutti gli addetti, pronti ad accogliere i visitatori”.
I comprensori bergamaschi
Il comprensorio Presolana – Monte Pora, in Val Seriana, è pronto per l’apertura con un unico skipass stagionale e plurigiornaliero per sciare in entrambe le stazioni.
Il Monte Pora ha inoltre stanziato 2 milioni e mezzo di euro per la modernizzazione e implementazione della stazione in chiave invernale. Tra gli interventi: il miglioramento dell’innevamento artificiale, la sostituzione di tutti i tornelli di accesso, il rinnovo parco sci e scarponi e l’acquisto di un nuovo gatto delle nevi.
Anche il Passo della Presolana e Spiazzi di Gromo hanno previsto un miglioramento agli impianti di innevamento. Qui ogni martedì, giovedì e venerdì si apre la pista da fondo per ciaspolatori e scialpinisti.
Lizzola, che vanta 22 km di piste che si snodano tra la meravigliosa natura incontaminata dell’Alta Val Seriana, apre il 7 dicembre.
In Val di Scalve, Schilpario, tra le destinazioni più note per lo sci di fondo, la novità di quest’anno prevede l’apertura di una ski room. Si tratta di una struttura che permette di utilizzare servizi per il cambio dopo la giornata sugli scii, e il noleggio dell’attrezzatura, per garantire massimo supporto a tutti gli sciatori.
Altra località della Val di Scalve: Colere, che per la stagione invernale 22/23 non aprirà gli impianti poiché è in corso una maxi operazione di rilancio della stazione che prevede la costruzione e la gestione di nuovi impianti.
Obiettivo rilanciare, rinnovare e riqualificare gli impianti della Val di Scalve
L’obiettivo generale è quello di rilanciare, rinnovare, riqualificare e potenziare il patrimonio impiantistico presente in Val di Scalve. In particolare nel comprensorio Colere Ski Area 2200 anche ai fini della destagionalizzazione dei flussi turistici.
La seggiovia Carbonera-Polzone e la seggiovia Polzone-Cima Bianca. Le due seggiovie verranno sostituite rispettivamente da un’ovovia a 10 posti e da una seggiovia a 6 posti ad agganciamento automatico. Interventi pronti tra il 2023 e il 2024. Inoltre, verrà fatto un nuovo impianto di innevamento con un laghetto ampliato. Il piano degli interventi raggiunge quasi 25 milioni di euro. Regione Lombardia partecipa con un contributo di quasi 7 milioni. Tale rinnovamento gioverà sicuramente a questa perla della Val di Scalve e che la vedrà in prima fila con eventi collaterali alle Olimpiadi del 2026.
L’offerta invernale bergamasca
L’offerta invernale sulla Bergamasca, tuttavia, si correda anche dagli eventi che vengono organizzati nelle località montane. Considerata la stagione, come non citare gli ormai consolidati e rinomati Mercatini di Natale. Un appuntamento molto apprezzato da locali e turisti, che valorizza l’artigianato locale e anima tanto le Valli Seriana e di Scalve – i mercatini di Castione della Presolana, Selvino, Colere – quanto la Val Brembana – a Cornalba, a Val Brembilla e nel borgo medievale di Cornello dei Tasso, solo per fare alcuni esempi.
E non mancano gli eventi sportivi, come lo Ski Splash al Donico: un salto di 10 metri con sci o snowboard in uno specchio d’acqua; il ‘Sabato del Vodala’: una cena al rifugio di Spiazzi con salita in ciaspole o con il gattobus e a seguire musica da discoteca; le importanti gare presso la pista da Fondo di Schilpario e le ciaspolate ai Piani dell’Avaro in Val Brembana. Per approfondimenti: www.visitbergamo.net.
L’offerta della montagna bresciana
La montagna bresciana offre sette comprensori sciistici che partono dai 1000 metri fino ad arrivare ai 3000 del ghiacciaio Presena. Ponte di Legno – Tonale, Corteno-Aprica, Borno Ski area, Gaver, Val Palot, Maniva ski e le sue tre valli Camonica, Sabbia e Trompia hanno tantissimo da offrire.
“La provincia di Brescia turisticamente ha uno spessore molto importante – sottolinea l’amministratore delegato di Visit Brescia Graziano Pennacchio – è seconda soltanto a Milano e nel 2021 è stata la prima provincia per numero di presenze. L’offerta per gli appassionati di sci e non solo è amplissima e per tutte le età, a partire dai più piccoli con il corso di sci gratuito per 100 bambini organizzato per il 5° anno consecutivo in Val Palot, fino ai più esperti con la Superpanoramica del Baradello, la pista illuminata più lunga d’Europa, per proseguire con l’Ice Dome (un grande teatro-igloo a 2.600 metri di quota) al ghiacciaio Presena, che riapre a gennaio, e le corse con i cani da slitta”.
I comprensori bresciani
Pontedilegno-Tonale, che si distingue per lo sci alpino ma accanto ad esso presenta anche alpinismo, ciaspole, sleddog o corse sugli sci trainati da aquiloni a impatto zero, ospiterà grandi competizioni ad alta quota di rilievo internazionale.
Dal 13 al 14 dicembre si svolgerà Coppa Europa – due gare di gigante femminile; dal 16 al 18 dicembre, la Coppa del Mondo e Campionato del Mondo di skialp (disciplina che da poco è stata inserita nel programma olimpico dei Giochi di Milano – Cortina 2026). E infine a fine stagione a marzo 2023 tornerà poi l’ottava edizione dell’Adamello Ski Raid, una sfida storica per gli appassionati di sci alpinismo nella formula a squadre con due atleti, che si aiutano, si stimolano e si rendono autori di prestazioni straordinarie dal sorgere dell’alba, e che avrà validità anche come prova del prestigioso circuito internazionale La Grande Course.
Torna anche l’appuntamento di successo sul Ghiacciaio Presena a 2.600 metri, PARADICE MUSIC-Concerti di ghiaccio: un calendario di eventi con la musica pop e rock eseguiti con strumenti di ghiaccio in una enorme sala concerti a forma di igloo con decine di concerti da gennaio fino a primavera inoltrata.
Il comprensorio Corteno-Aprica propone la Superpanoramica del Baradello: la pista da sci illuminata più lunga d’Europa. Dalla cima del Baradello, a 2000m, al paese di Corteno Golgi 6 km di pista, ampia e divertente, con 700 m di dislivello.
L’offerta si completa con tante esperienze e iniziative
Borno Ski area organizzerà serate (con rifugio aperto) dedicate allo scialpinismo, aperitivi in musica alla partenza degli impianti durante il weekend ed esperienza dell’alba in quota con ricca colazione al sorgere del sole.
Lo sci club Val Palot Ski ospiterà ben 8 slalom FIS maschili e femminili, 2 slalom NJR maschili e femminili, 2 GP Italia maschili, 2 gare del circuito provinciale children e pulcini Non solo gare ma corsi per tutte le età e per il 5° anno la stazione propone un corso completamente gratuito (incluso skipass ed attrezzatura) della durata di 6 ore riservato a 100 bambini.
E Maniva sky propone dagli après ski alla tradizionale fiaccolata dei maestri di sci alla Maniva di Luna, una ciaspolata al chiaro di luna sulle nevi del Maniva, con il percorso illuminato dalle fiaccole, in programma sabato 4 febbraio 2023, oltre all’attività di sleddog con cani da slitta dell’Alaska.
Per approfondimenti: https://www.bresciatourism.it
L’offerta delle montagne di Lecco e Como
La Valsassina e le montagne del Lago di Como sono da sempre una delle prime scelte per l’avvicinamento agli sport montani grazie al rapido collegamento tra Milano per cui in un’ora è possibile essere già sulla neve e raggiungere Bobbio, Artavaggio, Betulle ed Erna.
Numerose le novità della stagione anche per quest’area caratterizzata dalla diversificazione dei prodotti invernali, non esclusivamente incentrata sullo sci, in modo da offrire variegate experience sul territorio.
I comprensori e gli itinerari
Resinelli Outdoor Experience, è un progetto che ha lo scopo di valorizzare il territorio e promuovere itinerari turistici che raggiungono i Piani Resinelli, l’altopiano delle Prealpi lombarde per destagionalizzare, decentrare e rendere sostenibili i flussi turistici. I Piani Resinelli sono la meta ideale per chi vuole vivere esperienze all’aria aperta, all’insegna dell’avventura e del divertimento o per una vacanza indimenticabile immersi nella natura e nella neve.
Offrono un tracciato escursionistico ad anello all’interno del Parco Valentino, per un’esperienza magica tra faggi e frassini avvolti dal candore della neve. Per le famiglie con bambini verrà presto realizzata un’area dedicata al bob e slittino in tutta sicurezza e con innevamento naturale. La Valsassina è da sempre la prima scelta per l’avvicinamento agli sport montani, soprattutto in inverno. Per la stagione 2022 2023 a Piani di Bobbio la grande novità è la nuova seggiovia quadriposto “Nuova Ogania che prende il posto di uno skilift.
Torna per la nuova stagione il Bus della Neve, il collegamento diretto da Milano alle piste (tutti i weekend) e la B-school una nuova scuola di sci. E ancora Pedala: sei sul Lago di Como è l’iniziativa, promossa grazie al contributo di Regione Lombardia, che consente di promuovere l’offerta Bike montana e collinare del territorio del Lago di Como.
Attraverso una promozione digitale dedicata, si desidera ispirare i turisti a scoprire il territorio da un punto di vista differente favorendo una mobilità green, low season e con un approccio alla vacanza nella natura della montagna. Tale iniziativa bilancia le offerte sciistiche nel caso in cui le condizioni climatiche non garantiscano l’innevamento.
I numeri del turismo invernale lombardo
Da Madesimo a Foppolo, da Bormio a Livigno, da Santa Caterina Valfurva a Ponte di Legno, fino ai Piani di Bobbio e Valtorta in Lombardia si trovano 112 valli. I numeri si completano con: 27 comprensori sciistici, 476 piste, 324 chilometri per il fondo e 14 snowpark, 6.700 chilometri di sentieri segnalati; nonché 2.700 maestri di sci che operano in oltre 69 scuole di sci. La Lombardia d’inverno offre divertimento e attività all’aria aperta per gli amanti degli sport sulla neve e tante competizioni sportive.
Le esperienze
Oltre allo sci declinato in ogni sua forma (alpino, nordico, freeride, snowboard) si possono sperimentare emozioni nuove. In particolare: sleddog, slitte trainata dai cani, fatbike o snow tubing, una sorta di rafting sulla neve.
Inoltre, Alpi e Prealpi lombarde offrono una grande varietà di esperienze per vivere appieno il territorio anche d’inverno. Nel dettaglio: trekking per tutti i livelli, cicloturismo, cammini religiosi, centri termali di rilievo, parchi naturali, itinerari enogastronomici, borghi e siti Unesco, shopping e artigianato.

Articolo precedenteLe nuove norme sui monopattini: OBBLIGO di luci e doppi freni
Articolo successivoLa CIA sul Parco Sud: tutelare la connotazione agricola