+Pregnana: 76 lavoratori di Cnh EVITANO il licenziamento

140
Roma, 19 ott. (TMNews) - In Italia la partecipazione femminile al mercato del lavoro rimane tra le più basse d'Europa: quasi una donna su due è inattiva. Il tasso di inattività delle donne nel nostro Paese è, infatti, del 48,5%, a fronte della media Ue del 35,1%. Peggio di noi fa soltanto Malta con un tasso del 55,9%. Il dato emerge dall`Osservatorio sull`imprenditoria femminile curato dall`Ufficio studi di Confartigianato e presentato alla 14° Convention di Donne Impresa Confartigianato organizzata oggi a Roma. Per l`occupazione femminile le cose peggiorano, e di molto, nelle regioni del Mezzogiorno dove, in media, lavora una donna su quattro: la Campania fa registrare il record per il più basso tasso di occupazione femminile, 20,4%, uguale a quello del Pakistan e di poco superiore a quello del Libano, dello Yemen e della Mauritania. Seguono la Sicilia, con un tasso di occupazione femminile del 22,1%, la Puglia (22,7%), la Calabria con il 23,3%. Sul versante opposto della classifica è la Provincia Autonoma di Bolzano, il territorio italiano con il tasso di occupazione femminile più alto, pari al 63%, al secondo posto l`Emilia-Romagna con il 60,9% e terza nella classifica delle regioni più virtuose la Valle d`Aosta con il 60,8%. A livello provinciale la maglia nera va a Napoli, dove il tasso di inattività delle donne è del 72%. Seguono Caserta con il 70,7% e Foggia (70,4%). Ravenna, invece, conquista il primato positivo della provincia con la più bassa percentuale di donne inattive: 30,8%. Seguono Bologna con il 32,1% e Ferrara con il 33,1%. A tenere distanti le donne dal mondo del lavoro vi è soprattutto il basso investimento in quei servizi di welfare che dovrebbero favorire la conciliazione tra attività professionali e cura della famiglia. Anche in questo caso il nostro Paese è nelle posizioni peggiori della classifica europea. Secondo l`Ufficio studi di Confartigianato, la spesa pubblica per la famiglia è stata nel 2011 pari a 20,7 miliardi, pari al 4,6% dei 449,9 miliardi di spesa totale per la protezione sociale. Nel periodo 2007-2011 la spesa per la famiglia è la componente delle prestazioni di welfare che è cresciuta meno: l`incremento è stato di 1,3 miliardi, pari al + 6,9%, vale a dire la metà rispetto all`aumento della spesa complessiva per il welfare in Italia. Pur in un contesto così problematico per il lavoro femminile, l`Italia mantiene però la leadership in Europa per il maggior numero di imprenditrici e lavoratrici autonome: 1.565.400, pari al 16,4 delle donne occupate nel nostro Paese, rispetto alla media europea del 10,3%. In particolare le imprenditrici artigiane sono 367.895. http://www.donneimpresa.confartigianato.it/

 

PREGNANA Settantasei dipendenti dell’impianto di Pregnana Milanese di Cnh Industrial non subiranno il licenziamento collettivo annunciato in precedenza dall’azienda.

Lo ha annunciato in una nota l`assessore alla Formazione e Lavoro della Regione Lombardia, Melania Rizzoli, sottolineando che si tratta di uno dei risultati di “un periodo lungo quasi due anni in cui Regione Lombardia, organizzazioni sindacali, Ministero dello Sviluppo economico, Ministero del Lavoro e azienda si sono incontrati e confrontati in più occasioni”.

Rizzoli ha ricordato che attraverso gli strumenti di politica attiva finanziati dai programmi regionali, uniti ad un`offerta di incentivi e al ricollocamento in altre sedi, sono stati salvaguardati in questi due anni oltre 160 dei 240 lavoratori inizialmente coinvolti. Con l’accordo stipulato oggi sono stati salvaguardati anche i restanti 76 lavoratori, che potranno beneficiare di un ulteriore periodo di Cigs. In questo periodo, secondo la Regione, i lavoratori “avranno la possibilità di accrescere le proprie competenze ed essere ricollocati, anche attraverso la possibile reindustrializzazione”

Articolo precedenteLuino, altro fenomeno: 25enne spacciava.. dal balcone
Articolo successivo+Allerta meteo sulla Lombardia dalle 12 di oggi