“Pontenuovo è Magenta!”

    89

    MAGENTA –  Questo pomeriggio il Comitato per Pontenuovo con il suo presidente Emmanuele Miramonti ed altri rappresentanti del Comitato di frazione ha convocato una conferenza stampa nella quale sono emersi diversi spunti per il ‘benessere’ della frazione. Non è si parlato, beninteso, di Variante alla Statale 11, bensì dei possibili interventi tesi  ad ‘abbattere’ l’impatto del traffico sull’abitato.

    Qui sotto riportiamo il documento integrale diffuso dal Comitato con le alternative per le  ‘mitigazioni‘ .

    A differenza di quanto già detto da qualcuno, il Comitato per Pontenuovo non intende fare polemica con alcuno, né tanto meno lo scopo di questa conferenza è “attaccare” l’attuale amministrazione di Magenta ed i suoi componenti.

    Dopo anni di lavoro nel silenzio, lontano dai riflettori, riteniamo corretto che la gente sappia, e sia informata dei fatti
    in maniera limpida e cristallina.
    Il problema di Pontenuovo è la SS11. LA Soluzione è la Variante e se tutti oggi ne parlano (dai comuni limitrofi fino al Parlamento e all’ANAS), il merito è soprattutto di questo Comitato e del duro lavoro fatto specialmente in questi 15 lunghissimi anni.
    Il merito è anche dell’amministrazione Del Gobbo e dell’amministrazione Invernizzi. Ad entrambe riconosciamo
    l’impegno profuso e per questo ringraziamo.
    Sono però passati 15 anni, quasi 20, e mentre aspettiamo la soluzione è necessario intervenire al più presto con
    interventi di “mitigazione”, poiché la SS11 genera ovvi, palesi e certificati problemi di inquinamento acustico,
    ambientale e gravissimi rischi di sicurezza. Le nostre proposte in merito sono tutte “semplici” e a basso costo!
    Cosa è stato fatto per “mitigare” questi gravi problemi? NULLA!

    I FATTI E LE NOSTRE PROPOSTE:
    a) Abbiamo chiesto e ottenuto che ARPA monitorasse il rumore lungo la SS11 nel 2012. E’ emerso che i limiti di legge sono costantemente superati, di giorno e di notte. E’ emerso, altrettanto chiaramente, che la causa
    della nostra insonnia sono i transiti ad altissima velocità di auto e di TIR (100Km/h). Così, il 1 aprile 2014
    protocolliamo un esposto in Comune in cui evidenziamo questo problema e chiediamo migliorie (ad esempio
    segnaletica idonea, autovelox fissi, tutor, semafori accesi di notte, incroci in sicurezza, ecc.). Nello stesso
    esposto chiediamo anche di monitorare il rumore della ferrovia. Dopo molte sollecitazioni, il Comune ci
    risponde a giugno 2016 (2 anni dopo!), solo in merito al rumore della ferrovia (ad oggi irrisolto), IGNORANDO
    invece il problema del rumore/sicurezza della SS11.

    POSSIBILI INTERVENTI:
     La segnaletica stradale è a nostro avviso migliorabile. Anche un consulente esterno (ing. Drufuca,
    relatore del PGTU) interpellato dall’amministrazione stessa su questa questione ha indicato che i
    cartelli con i limiti sono necessari ed ha esposto chiaramente dove e come posizionarli, ma i suoi
    suggerimenti, dopo 2 anni, non sono ancora stati realizzati.
    Il costo dei cartelli stradali sarebbe di poche centinaia di euro.
    Anche per gli autovelox fissi ed i sistemi di tutor ci hanno sempre risposto che non si possono
    installare perché serve l’autorizzazione del Prefetto. In merito noi non abbiamo notizie né di
    richieste né di risposte del Prefetto. La violazione della legge sull’inquinamento acustico non è
    sufficiente? Si aspetta che succeda qualcosa di più grave?
    Abbiamo chiesto di mettere in sicurezza gli incroci a raso sulla SS11, dato che è ormai
    pericolosissimo immettersi sulla statale oppure svoltare in una qualsiasi via di Pontenuovo.
    Nonostante la dichiarazione dell’amministrazione di avere ben chiara l’urgenza indifferibile e la
    pericolosità di quegli incroci, gli investimenti sono andati ancora una volta in “altri luoghi” ed i
    possibili interventi su Pontenuovo sono stati surclassati da altro.

     Per mitigare almeno parzialmente il problema dell’inquinamento, per dare un poco più di vivibilità
    alla frazione nonché fluidificare il traffico, abbiamo chiesto per anni, in numerosi incontri e con
    decine di mail, la sincronizzazione dei semafori di Pontenuovo. Ci è sempre stato detto che questo
    non era possibile. Ma, insistendo e non mollando mai, incapaci di credere che nel 21° secolo non si
    potessero far “parlare” i semafori, abbiamo finalmente ottenuto un incontro con il responsabile
    della ditta della manutenzione semaforica. “Il lavoro si può fare”, ci ha detto, “con pochi euro e
    senza fili!”. Il comune ha realizzato le modifiche ma, dopo due mesi di perfetta sincronia, un black
    out ha mandato in tilt il sistema, AD OGGI ANCORA FUORI USO.
    b) Abbiamo visto nel nuovo PGTU sviluppato da questa Amministrazione lo strumento giusto per mettere nero su bianco ed una volta per tutte i problemi e le mitigazioni al traffico in Pontenuovo. Pur sapendo che gli interventi avrebbero impiegato anche anni per essere realizzati, sarebbe comunque rimasto una guida per ogni futura Amministrazione, un programma con cui fare i conti.
    Abbiamo quindi lavorato molto con l’Assessore, fatto numerosi incontri in sala giunta con i tecnici incaricati
    dal Comune, concordando le modifiche al PGTU per Pontenuovo, con la promessa che sarebbero state
    recepite nella prima revisione… nulla!
    Allora ci siamo incontrati di nuovo, abbiamo scritto le proposte per il PGTU in una sorta di verbale così che
    fossero recepite nelle revisione finale da presentare in Consiglio comunale… nulla!
    Allora ci siamo trovati ancora in sala giunta con Assessore e Tecnici. Insieme a loro, con le parole giuste,
    abbiamo scritto otto osservazioni al PGTU, protocollate il giorno dopo ed inviate via mail all’assessore.
    Risultato? In consiglio comunale ne sono arrivate solo due … solo due sono state discusse, le meno
    importanti, le meno cogenti e nemmeno a nome del Comitato, ma a nome del suo presidente. Come se il
    Comitato nemmeno esistesse.
    Il PGTU non è quello che avremmo voluto, il PGTU approvato in consiglio comunale, per quanto riguarda Pontenuovo, contiene errori gravi e manca di importanti suggerimenti.
    c) Abbiamo presentato anche un esposto per lo stazionamento a motore accesso per tutta la notte di camion nel piazzale “Saffa” (via De Medici 31). Questa pessima abitudine crea problemi ovvi di inquinamento
    acustico e dell’aria, ma anche situazioni di degrado e problemi di igiene per le deiezioni ed i rifiuti che gli
    autisti lasciano sul piazzale.
    La legge parla chiaro in merito, non si può sostare con il motore acceso! E, ovviamente, non si possono lasciare ovunque rifiuti e deiezioni.
    Ci ha risposto il Comune? No. Ha convocato legittimamente alcuni cittadini coinvolti dicendo loro che non si
    può fare nulla… dice che si può solo applicare qualche cartello multilingua in cui si invitano i signori autisti ad
    un comportamento rispettoso e civile.
    Possibile che non si possa far rispettare la legge in Pontenuovo?
    Non si può fare nulla sulla SS11 e non si può fare nulla nelle proprietà private.
    PONTENUOVO E’ MAGENTA!
    Che sia ripristinata la sincronizzazione dei semafori;
     Che la segnaletica stradale sia adeguata come suggerito da noi e dall’ing incaricato dal Comune;
     Che gli incroci siano messi in sicurezza con un progetto valido e globale, non composto da singoli interventi
    scollegati tra loro;
     Che le nostre proposte e osservazioni siano inserite nel PGTU o almeno in documento ad esso allegato
     Che sia garantito il rispetto della legge, soprattutto in materia di velocità, rumore, e decoro!

     

    Articolo precedenteRadici in crescita, sequenza giornaliera degli accadimenti, di Ivan D’Agostini- 20 marzo
    Articolo successivoIn morte dell’architetto-archeologo Angelo Vittorio Mira Bonomi. Nell’ultima telefonata mi disse: “Ti ricorderai di me?”