Ponte di Robecco, summit tra Comuni. Si gioca la carta della diplomazia

    112

    Il 9 gennaio si avvicina: Bià, Magenta e Comuni limitrofi tentano la carta della mediazione, anche se la lettera della Barni parla chiaro (per ora)

     

    ROBECCO – Man mano che s’avvicina il 9 gennaio, ossia la data in cui scatterà la chiusura del ponte carrabile di Robecco sul Naviglio (sino al 27 gennaio), s’alza la temperatura della discussione attorno a un argomento che provocherà disagi inevitabili e del resto ampiamente prevedibili.

    In questi minuti è in corso un summit tra i Comuni di Robecco, Magenta, Abbiategrasso, Cassinetta ed Albairate, per tentare una mediazione (che appare peraltro molto difficile, dopo la lettera diffusa da sindaco e Amministrazione), nel quale si cercheranno evidentemente possibili soluzioni tampone, stante che ormai dilazionare o evitare la chiusura appare ‘missione impossibile’.

    Vi terremo aggiornati. La vicenda pare destinata ad avere degli inevitabili strascichi.

     

    ponterob

    Articolo precedenteControllo del territorio: il “Modello Forza Nuova” a Ferno
    Articolo successivoMagenta verso il voto: chi c’è e chi ancora sfoglia la margherita….