Ponte di Robecco, concordate alcune modifiche alla viabilità. Magenta, presenza fissa della PL

    122

    Riunti sindaci e tecnici, verso senso unico del ponte a Cassinetta e rafforzamento presenza Polizia Locale tra Robecco e Magenta. Si confida di ridurre il tempo di chiusura

     

    ROBECCO – Si è svolto stamani, come scritto in esclusiva da Ticino Notizie, il tavolo tecnico tra i Comuni per dirimere la chiusura del ponte carrabile e valutare soluzioni in grado di affievolire gli inevitabili disagi.

    Il vicesindaco di Magenta, Paolo Razzano, scrive che “questa mattina – con qualche ritardo – positiva riunione di coordinamento tra le Amministrazioni comunali di Magenta, Abbiategrasso, Corbetta, Albairate, Cassinetta di Lugagnano e Robecco sul Naviglio, con la Città metropolitana per la prevista chiusura del ponte robecchese dal 9 al 27 gennaio.
    Individuate le soluzioni viabiliste per ridurre al minimo i disagi ai cittadini. Nella Città di Magenta la SP117 lungo il Naviglio resterà percorribile e al ponte di Pontevecchio presenza fissa della Polizia Locale per gestire l’aumento di traffico”.

    Magenta insomma cercherà di correre ai ripari, e del resto se fosse rimasta la soluzione prevista si sarebbe rischiato un grosso ingorgo tra cascina Peralza e corso Europa.

    Si va invece, ma si attende conferma dal Comune stesso, verso l’istituzione del traffico a senso unico sul ponte di Cassinetta, così da evitare nel piccolo Comune rivierasco del Naviglio disagi ancor più pesanti di quelli che ci saranno.

     

    ponterob

    Condivisi anche piccoli ritocchi alla segnaletica in accesso ed uscita daRobecco, così da allertare tutti gli automobilisti in tempo utile.

    La presenza fissa della Pl di Magenta, unita allo sforzo degli altri comandi, sarà comunque un ausilio. Se Robecco ci riuscirà, i lavori si protrarranno anche per meno dei 18 giorni previsti (dal 9 al 27) ed il ponte, com’è stato detto stamani, potrà riaprire anche prima.

    Emblematiche, infine, le prime parole del post di Paolo Razzano, politico molto navigato. Curioso, infatti, un summit il 3 gennaio con chiusura del ponte il 9,  Quando la decisione- come scritto da Robecco- era nota da fine novembre. 

    Già, qualche ritardo c’è stato..

    razzano2

    Articolo precedenteBarni (BCC): “La cooperazione perisce nell’Italia delle Signorie”
    Articolo successivoDomani pomeriggio a Trecate l’ultimo saluto a Gianni Bersani