Politica e bon ton dimenticato: la campagna elettorale in ospedale

    49

    MAGENTA –  Non vogliamo fare i moralisti e, ormai, francamente, ne abbiamo viste un po’ in questi anni. Tuttavia, cercando di metterci dalla parte del cittadino medio che domenica dovrebbe andare a votare, comprendiamo l’imbarazzo che immagini come queste potrebbero provocare. E pazienza che poi il video girato dal collega Francesco Bienati di CAM sia stato ripreso in chiave strumentale da Paolo Salvaggio Dem e collaboratore dell’On.le Francesco Prina.  Perché la sostanza, ad avviso di  chi scrive, non cambia. 

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Ci dovrebbe essere un galateo, anche se non scritto, da rispettare. L’ospedale, un luogo in cui la gente ci va perché sta male e si deve far curare, potrebbe essere lasciato fuori dalla campagna elettorale. Intendiamoci, non che non si debba parlare di Sanità, visto che è la principale voce nel bilancio di Regione Lombardia, ma c’è modo e modo.  Tornando a quelle regole non scritte, queste dovrebbero valere ancora di più per chi ricopre un ruolo di amministratore locale, come nel caso dell’Assessore Alfredo Bellantonio, immortalato nel video che sposta armi e bagagli fuori dal ‘Fornaroli’.

    Bellantonio, qui si toglie la giacchetta di Assessore e indossa quella di supporter dell’Assessore regionale Giulio Gallera. C’è poi anche il fuori programma dell’extracomunitario (chissà se regolare o non…) che brandisce la bandiere di Forza Italia e i manifesti dell’Assessore al Welfare Gallera. Il quadretto, ancorché simpatico, non è comunque dei più esaltanti.

    Eppure, l’Assessore Bellantonio non si scompone. Anzi rilancia: “Il nostro era una banchetto elettorale fuori dal ‘Fornaroli’. Un’iniziativa a titolo informativo nei confronti dei cittadini. Non ci vedo nulla di strano. Del resto, guardate la campagna elettorale che si è fatta e si fa tutt’ora a pochi chilometri di km fuori dall’ospedale ‘Cantù’ di Abbiategrasso. Ci sono passati tutti da lì. Perciò non vedo cosa ci sia di strano. L’ospedale di Magenta è stato molto potenziato in questi anni grazie anche all’operato dell’Assesore Gallera di Regione Lombardia e noi lo abbiamo ricordato ai cittadini. Tutto qui”.

    Insomma, tutto nella norma. Ci siamo sbagliati noi. Che, infatti, non siamo dei politici e non ne abbiamo capito ancora i meccanismi dopo tutto questo tempo. Quindi, torniamo a studiare.

    F.V.

     

    https://www.facebook.com/paolo.salvaggio/videos/10214411278583406/

    Articolo precedente“Urbanamente”: mercoledì il quarto appuntamento
    Articolo successivoParabiago: la Coldiretti a confronto con i candidati leghisti del territorio