Pi-greco, non c’è festa senza dolcezza

124

Magenta – Si è conclusa con una merenda circolare la giornata dedicata ad un numero speciale, il pi-greco, quel 3,14 usato per calcolare l’area del cerchio, che alcuni alunni uscendo da scuola saltellando ripetevano “è un numero all’infinito”. Vero. E le sue applicazioni, in realtà, sono numerose, basti citare la relatività generale di Albert Einstein, il calcolo della probabilità, l’elettromagnetismo o la meccanica quantistica.
Nulla di tutto questo ovviamente alla scuola primaria, ma tante attività a misura di bambino a livello nazionale in cui si sono innestati anche i lavori di costruzione studio e ritaglio nelle classi della Santa Caterina. La corsa delle sfere, i giochi con la palla e la gare delle bolle di sapone hanno visto protagonisti i bambini delle prime; archi, specchi e colori per le seconde; misurazione di scatole poi ricoperte, lavori con compassi e colori, per i più grandi. Non sono mancate le medaglie. Perchè le insegnanti hanno voluto festeggiare i trent’anni di questa giornata con un’iniziativa che ha coinvolto tutte le interclassi grazie agli spunti offerti nelle diverse discipline dalla referente Nicoletta Crimella, supportata da Paola Pinaroli.L’entusiasmo mostrato dai bambini è stato coinvolgente”, raccontano le insegnanti, che elencano anche i tanti momenti di “stupore dei bambini nello scoprire alcuni aspetti della realtà legati alla matematica e a questo numero infinito“. Entusiasmo che è proseguito anche al di fuori della scuola, con i genitori. E’ bastato il classico “Cos’hai fatto oggi a scuola?” che un bimbo sorridente ha risposto alla mamma “Ho festeggiato il compleanno di un numero grandissimo, che non finisce mai” e anche la curiosità dei grandi si è accesa.

Anche attraverso queste iniziative i bambini imparano, a volte ci stupiscono con i loro tentativi di “vedere cosa succede se faccio così” ed ecco che degli archi colorati vessi vicini ad un paio di specchi si trasformano in un caleidoscopio”, commentano le insegnanti.
Il Giorno del Pi-greco viene celebrato il 14 marzo per il modo in cui gli americani scrivono le date, secondo la forma mese/giorno: il 14 marzo diventa quindi 3/14, che sono proprio le prime tre cifre del numero scoperto da Archimede.
La Giornata nacque negli Stati Uniti nel 1988. Ma il 14 marzo, tra le altre cose, è il giorno in cui nacque Einstein, e diventerà noto anche come il giorno in cui è morto il guru della cosmologia moderna Stephen Hawking.

Articolo precedentePioggia, allerta meteo della Protezione Civile anche su Milano e provincia
Articolo successivoColdiretti: piogge in aumento del 16%, ma i danni sono parecchi