Sempre meglio la Fiera di Magenta che la società dei Rocky Horror Show…. Di Massimo Moletti

407

Anche Christian De Sica figlio ha capito lo squallore del web e soprattutto degli influencer e divi da web. Lui che figlio di un grande artista internazionale da Oscar e che andava in USA a dettare la sua arte neo realista. Giustamente ha visto e sentito la necessità di esternare il suo disappunto …

 

Certo io nel mio piccolo,  sono anni che denuncio la cosa, ma mi chiamo Moletti o Duca di Saronno…. quindi il mio parere vale nulla meno di zero meno meno uno ….

Per noi ragazzi limitrofi al Milanese gli appuntamenti del dopo Ferragosto erano pochi ma sacri …in tv si seguiva il Palio di Siena e di persona  si andava alla Fiera di Magenta …un cult come il rosso Magenta …la Battaglia di Magenta …la stazione di Magenta dove fermavano e fermano ancora i diretti ….lo storico primo Ipermercato …il negozio grande di abbigliamento e la piscina con bibita alternativa sapore di Cola …

Ma Magenta è anche un personaggio ambiguo e non chiaro del mondo magico del musical “Rocky horror Pictures show”…di Richard O’Brien in tributo al b movie macabro …

L’ultima volta che sono andato alla Fiera era il 2012 e il Mondo stava cambiando per me che Magenta erano i cavallini che mio padre mi doveva sempre comprare e le bevute di acqua fresca dal frigobar portatile e la bellezza della fiumana di persone …

Dovevamo vestirci bene tutti in etichetta e in gran cerimonia perché era un appuntamento assai forte …mi ricordo ancora la battuta di mio padre a mia sorella che in dialetto diceva …..mi hai fatto mettere i pantaloni lunghi e c’e in giro gente mezza nuda

Non c’era ancora la moda dei mi piace che per me valgono come i soldi del Monopoli o dell’esibizionismo estremo perché gli smartphone e social non erano ancora totalmente di massa …ma c’era già il seme.

Sicuramente De Sica avrà spazio sui giornali e interviste in tv e porterà avanti una crociata e farà anche un film scherzando su queste mode italiane e mondiali ….forse prendendo pure qualche “cafone” che porterà al botteghino gente a farsi i selfie tanto basta che pagano biglietto …

Come alla fiera di Magenta dove non capisci più se la gente va per comprare, curiosare, fotografare o immortalarsi.

Tutti vogliono apparire e sentirsi o copiare i famosi vedi spese per funerali e matrimoni e feste aggiunte per copiare i vip o discorsi e grida per suggellare il lieto evento …

Chi dice ‘io non voglio apparire’ è proprio quello che apparire vuole ma senza darlo a vedere ma notare per avere il mi piace in una lotta tutta provinciale dove.

Un horror di morale e di civiltà che da anni si porta avanti questo schifo …un Influencer horror show dove i personaggi ambigui e poco gentili …

Forse De Sica non ha mai rivisto i suoi film sui film perché se li avesse visti il padre l’avrebbe murato come la monaca di Monza….

Erano belli ???? Sicuramente hanno fatto fare tante risate, ma molto ripetitivi. Forse quello show pessimo di oggi in salsa da max. 60 secondi è anche figlio di una generazione cresciuta con dei film non proprio capolavori o dove le battute era trite e ritrite come i programmi fatti sempre dai soliti con i soliti autori …

 

 

Ogni persona vuole apparire e uscire dall’ambiguità come Magenta il personaggio dell’avveniristico Rocky horror show …

Io preferisco la vecchia e sana fiera di Magenta tra caldo…acqua fresca e cavallini …la semplicità e l’alternanza in Italia è sempre stata una bestemmia ….chi ha contribuito poi si lamenta per avere interviste, servizi e like… vero Christian? 

Di Massimo Moletti

Articolo precedenteLegambiente Lombardia: al via la carovana dei ghiacciai
Articolo successivoCecchetti ad alzo zero su Crisanti: ‘Mamma mia come si è conciato per qualche voto in piu’….’