L'EditorialeNewsPolitica

Per Marco Invernizzi, “fuoco amico” da Sinistra

MAGENTA –  Mentre il “cantiere” del centrodestra procede a strappi, per il momento, il sindaco Marco Invernizzi e la sua maggioranza, si devono guardare soprattutto dal cosiddetto ‘fuoco amico’. Già, perché in questi giorni, gli attacchi più volenti al suo operato sono arrivati da quella Sinistra, che fino a qualche mese fa, era parte integrante di questa Amministrazione. Rifondazione Comunista e Cantiere Alternativo Giovani, pur precisando che la loro non è una posizione di chiusura pregiudiziale, hanno in buona sostanza, bocciato in toto, il lavoro della Giunta in materia di programmazione urbanistica e del territorio. Manuel Vulcano, capogruppo di PRC – Cantiere Alternativo Giovani, ha tenuto una posizione tutto sommato equilibrata. Ma ad oggi sembra difficile che i vecchi “compagni” di Amministrazione si possano ricompattare. Ma Invernizzi a Sinistra deve guardarsi anche da Giuseppe Rescaldina. Il noto psicologo e psicoterapeuta ha già dato più volte la sua disponibilità alla candidatura a sindaco di Sinistra Italiana. Sul suo nome anche PRC e Cantiere Alternativo, pur non rilasciando dichiarazioni ufficiali, al momento, non hanno espresso parere contrario.I nomi li sapete, si sono già palesati – ha detto Vulcano – poi ovviamente, c’è un direttivo del partito, ci sono gli iscritti e in questo caso, una coalizione che deciderà. In democrazia funziona così”. Parole che fanno intendere chiaramente come la volontà sia quella di arrivare alle elezioni del 2017 con una Sinistra unita.  L’altro “inconveniente” di percorso per Invernizzi e la sua maggioranza, è dato da Silvia Minardi e dal suo ‘Progetto Magenta’. Le ultime affermazioni rilasciate dall’ex capogruppo del PD sulla vicenda dell’ex Vincenziana, hanno tracciato un solco, nei rapporti prima personali che politici, con gli ex colleghi “dem” assai profondo. La Minardi è determinata ad andare avanti. Difficile ad oggi, quotare ‘Progetto Magenta’. Sicuramente, però, il disegno civico trasversale guidato dalla Presidente uscente del Rotary Club Magenta potrebbe erodere il consenso di Invernizzi, anche se non è detto che porti via voti anche al candidato del centrodestra, soprattutto nel caso in cui quest’ultimo dovesse essere espressione di una destra troppo populista.

Al momento, però, gioca a favore del Sindaco uscente e pronto a ricandidarsi, il fatto che tra la Sinistra e “Progetto Magenta” non si intravedano i presupposti per un possibile contatto.  Anche su questo aspetto molto chiaro è stato il commento di Vulcano: “Innanzi tutto, vorremmo capire chi c’è dietro a “Progetto Magenta”, in secondo luogo, vorremmo comprendere qual è l’estrazione di questa lista civica. A noi piace la chiarezza, ma ad oggi, ci pare d’intendere che gli esponenti di questa nuova proposta politica, per la loro storia e la loro provenienza, siano su posizioni ben distanti dalle nostre”.

Il capogruppo di PRC Cantiere Alternativo Giovani è andato anche oltre: “Incontrarci? Noi non chiudiamo le porte in faccia a nessuno, ma se non si sciolgono i nodi iniziali, rischia di essere solo una perdita di tempo per tutti”. Come dire che ad oggi Invernizzi dovrà, con tutta probabilità, guardarsi da un doppio ‘fuoco amico’. Obiettivamente, parlare di un Sindaco “braccato” a Sinistra sembra esagerato. Anche perché l’Amministrazione, negli ultimi mesi ha cercato chiaramente un’apertura al centro, vedi anche l’innesto in Giunta di Marzia Bastianello molto vicina al mondo del commercio e alla sua associazione di categoria.

Ma la matematica non è un’opinione.  E allora è giusto ricordare i voti raccolti nel 2012 dalla coalizione capeggiata da Marco Invernizzi il 6 e 7 maggio del 2012:  4.525 pari al 38,35% contro  i 4.017 di Tino Viglio pari al 34,04% con un centrodestra in versione suicida che si presentò diviso al cospetto degli elettori (*Gelli da solo prese il 15,88% con 1.874 voti).

Certo, in politica 5 anni sono tantissimi, però, è evidente che questi numeri sono la base di partenza per qualsiasi  seria riflessione politica.rifondazione color seppiarescaldina-738x1024

Silvia Minardi accanto a Paolo Razzano ed Enzo Salvaggio. Molto tempo fa...
Silvia Minardi accanto a Paolo Razzano ed Enzo Salvaggio. Molto tempo fa…uesti numeri saranno e sono tuttora, ne siamo certi, oggetto di attenta riflessione anche in casa PD. Soprattutto da parte del suo vero stratega, il vice Sindaco Paolo Razzano.

F.V.

Qui a sinistra Rescaldina e un momento della conferenza stampa di PRC Cantiere Alternativo Giovani di ieri sera.

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi