Pd, liste e veleni/1: Cottarelli sarà candidato a Milano

177

MILANO  – Al termine di una lunga giornata di confronto, la Direzione del Pd, convocata per le 11 di ieri e slittata fino alle 21,30, per poi iniziare dopo le 23, ha approvato la delibera per votazione le liste per le elezioni politiche con 3 contrari e 5 astenuti.

“Volevo ricandidare tutti gli uscenti ma era impossibile.  Potevo imporre i miei ma ho cercato di comporre un equilibrio, perchè il partito è comunità”, ha detto il segretario dem Enrico Letta al termine della riunione. Letta correrà da capolista alla Camera in Lombardia e Veneto, Carlo Cottarelli sarà capolista al Senato a Milano, il virologo Andrea Crisanti sarà candidato capolista nella circoscrizione Europa. Non sono mancate polemiche e malumori per la esclusione di alcuni esponenti Dem di prima linea. La senatrice uscente Monica Cirinnà ha rifiutato la candidatura che la direzione le aveva assegnato.

Saranno quattro i capislita under 35 nelle varie aree del Paese (Rachele Scarpa, Cristina Cerroni, Raffaele La Regina, Marco Sarracino) come preannunciato da Letta a testimonianza concreta di spazio e attenzione ai giovani. “Termino questo esercizio – ha dichiarato Letta- con un profondo peso sul cuore per i tanti no che ho dovuto dire. Peso politico e umano. Ma la politica è questo: assumersi la responsabilità”.

Il dimezzamento del numero dei parlamentari e i meccanismi richiesti dalla legge elettorale hanno reso estremamente complicata la chiusura delle liste e nelle scorse ore non sono mancate polemiche e proteste per la esclusione di alcuni esponenti Dem di prima linea. Lo stesso Letta ammette che avrebbe “voluto ricandidare tutti i parlamentari uscenti ma era impossibile a causa del taglio dei parlamentari ma anche per esigenze di rinnovamento”. “Ho chiesto personalmente sacrifici ad alcuni – dice il segretario Dem – mi e’ pesato tantissimo. Quattro anni fa il metodo di chi faceva le liste era: faccio tutto da solo – continua Letta – io ho cercato di comporre un equilibrio e il rispetto dei territori e’ stato tra i criteri fondanti delle scelte”. “Termino questo esercizio con un profondo peso sul cuore per i tanti no che ho dovuto dire. Peso politico e umano. Ma la politica e’ questo: assumersi la responsabilita’.

Articolo precedenteTragedia a Ferragosto a Vermezzo: automobilista perde la vita in un incidente
Articolo successivoPd, liste e veleni/2: tra i Dem vincono sempre i giustizialisti, Luca Lotti fatto fuori