PD Est Ticino: a proposito di decreto “sicurezza”

    73

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO . Il voto dei senatori di Lega e 5 Stelle è servito solo a salvare le apparenze. Gli sbarchi continuano e bisogna, allora, dimostrare di saper proteggere il nostro paese
    dall’invasione nemica, il dissenso cresce, allora bisogna mostrare di essere più feroci con chi osa dissentire dalle parole che portano la nostra nazione ad essere più divisa e infine il primo decreto sicurezza è stato un fallimento visti i numerosi episodi di violenza di conseguenza perché non farne un altro per dare l’impressione di correggere il tiro? È vero nel nostro amato Est Ticino non siamo cullati dalle onde del Mar Mediterraneo eppure il decreto ci riguarda da vicino: siamo in tanti a solidarizzare con chi oggi sta dalla parte della vita e vuole continuare a stare nel mare del canale di Sicilia a salvare donne,
    uomini e bambini.

    Vi starete domandando cosa centri tutto ciò col decreto sicurezza bis; bene, con questa sciagurata legge le manifestazioni non vengono tutelate, anzi pare si voglia gettare un velo di sospetto nei confronti di chi scende in piazza a parlare di un’Italia diversa, da quella di governo, pare che si voglia criminalizzare chi parla di pace e accoglienza. I piccoli Salvini della politica nostrana, oggi, grazie a questo decreto credono di essere più forti eppure è proprio qui che si sbagliano: siamo convinti, infatti che il nostro paese e il nostro territorio, ricco di realtà di volontariato, di accoglienza e integrazione, abbia tutti gli
    anticorpi contro la deriva autoritaria di governo e che le nostre donne e uomini delle Forze dell’Ordine sapranno agire nel rispetto della persona umana tutelando le minoranze politiche, culturali e religiose presenti in tutti i nostri territori.

    Il Partito Democratico dell’Est Ticino non esiterà ad essere alternativa al Governo nei nostri comuni, chiediamo che si smetta di improvvisare decreti di propaganda ma che vengano fatte leggi strutturali a favore dei comuni e dei nostri piani di zona che hanno bisogno di poter spender di più per opere pubbliche e politiche sociali. Oggi più che mai serve rispondere alle fragilità che popolano le nostre periferie e al degrado urbano dove i nostri comuni sembrano lasciati sempre più soli e con meno
    risorse.

    Partito Democratico Est Ticino

    Articolo precedenteStalking: perseguitava ex marito, una 34 enne arrestata a Vigevano
    Articolo successivoMilano: studio Cnr e Università degli Studi, qualità dell’aria migliorata negli ultimi 50 anni