Pavia/Milano, ndrangheta: dure condanne al clan Barbaro

237

 

PAVIA MILANO   – Sedici anni e 8 mesi di reclusione per Rocco Barbaro, 31 anni, e 18 anni e 6 mesi per il padre Antonio, 54 anni, che erano a processo con rito abbreviato, assieme ad altri imputati, a seguito dell’inchiesta della Guardia di Finanza di Pavia, coordinata dal pm della Dda milanese Gianluca Prisco, che lo scorso gennaio ha portato a 11 misure cautelari.

Indagine con al centro storiche famiglie ‘ndranghetiste originarie di Platì (Reggio Calabria) e radicatesi al nord, in particolare nei territori a cavallo tra le province di Pavia, Milano e Monza Brianza e nel Torinese. Tra i condannati, con sentenza del gup Daniela Cardamone, anche Domenico Sergi a 8 anni e 8 mesi. Gli arresti erano stati eseguiti il 10 gennaio con accuse che andavano dall’associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti alla detenzione e porto di armi fino ad una serie di episodi di estorsione con l’aggravante del metodo mafioso. E in questo quadro si inserivano le intercettazioni, con frasi intimidatorie, contenute nell’ordinanza firmata dal gip Raffaella Mascarino. “L’ho presa e l’ho messa sul tavolo (l’arma, ndr) … gli ho detto … vedi che ti ammazzo … come ai cani ti ammazzo … e me ne sono andato”, diceva, intercettato, Rocco Barbaro.

Articolo precedenteNovara, 914 auto intestate a prestanome: multa da 500mila euro
Articolo successivoVercelli: la Gdf sequestra quasi 1000 flaconi di smalto per unghie