Pasqua nell’arte del Sacro Monte di Varese

146

Dalla morte alla resurrezione di Cristo. Fine settimana con quattro visite guidate

Archeologistics propone una particolare visita al Museo Baroffio dedicata alle deposizioni di Cristo nell’arte contemporanea e l’apertura straordinaria dell’undicesima cappella “La resurrezione”

VARESE –  Il mistero della Pasqua si svela attraverso l’arte del Sacro Monte di Varese. Venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 aprile, Archeologistcs, realtà impegnata nella valorizzazione del patrimonio culturale, offre l’occasione di andare alla scoperta delle rappresentazioni artistiche che celebrano la morte e la resurrezione di Cristo. Venerdì e sabato, viene proposto un doppio appuntamento dedicato alla “deposizione dalla croce” attraverso le opere d’arte contemporanea custodite nel Museo Baroffio; domenica viene eccezionalmente aperta l’undicesima cappella della Via Sacra dedicata alla resurrezione.

 

LE DEPOSIZIONI – Le visite guidate di venerdì 15 e sabato 16 aprile (ore 16.30) sono dedicate a come l’arte contemporanea ha rappresentato il Cristo morto. La deposizione dalla croce è infatti uno dei principali soggetti sacri che l’arte ha voluto commemorare. E il Museo Baroffio, grazie all’importante lascito di monsignor Pasquale Macchi, già segretario personale di papa Paolo VI, custodisce importanti opere a firma di artisti internazionali. Le opere donate nel 2003 riuniscono la rappresentazione della morte sulla croce con stili e sensibilità differenti, in un periodo inferiore ai 50 anni. Dal dipinto di Georges Rouault, pittore espressionista francese, che raffigura il volto di Cristo morto con una luce colorata, simbolo di speranza e resurrezione, all’opera di Domenico Cantatore che pone l’accento sull’aspetto emotivo. Da Mario Sironi che nella fase matura torna alla pittura da cavalletto e inserisce nella Crocifissione un motivo decorativo con angeli stilizzati all’opera di Floriano Bodini, dove la composizione rimanda all’arte trecentesca, ma i colori sono quelli contemporanei. La visita vuole essere l’occasione per ripercorrere i momenti della Passione di Cristo nell’arte e allo stesso tempo conoscere il patrimonio del Museo.

 

Venerdì 15 aprile ore 16:30

Sabato 16 aprile ore 16:30

Durata: 75 minuti

Il biglietto (10 euro) è comprensivo dell’ingresso al Museo Baroffio e Cripta e della visita guidata.

Biglietti disponibili su: https://bit.ly/sabatosanto

 

LA RESURREZIONE – Doppio appuntamento anche domenica 17 aprile: alle 10 e alle 16.30 vengono aperte in via straordinaria le vetrate della cappella della resurrezione. Per la giornata della S. Pasqua è possibile visitare l’XI cappella del Viale del Sacro Monte di Varese: qui le nove statue in terracotta, modellate da Francesco Silva nel 1622, e le decorazioni ad affresco realizzate da Isidoro Bianchi da Campione a partire dalla seconda metà del XVII secolo raccontano il primo mistero glorioso del Rosario con Cristo risorto che, uscito dal sepolcro, porta nel braccio sinistro il vessillo trionfale. Meravigliosa è la cupola affrescata che si intravede dagli inginocchiatoi esterni e dalle inferriate, e che stupisce una volta all’interno della cappella: schiere angeliche caratterizzate da strumenti musicali dell’epoca attendono Cristo in Paradiso.

 

Orari: 10 e 16.30

Ritrovo al Museo Baroffio, in piazzetta del Monastero

Biglietti disponibili: https://bit.ly/avetriaperti

Il biglietto (12 euro) comprende la partecipazione al tour, l’ingresso al Museo Baroffio e alla Cripta. Con il medesimo biglietto è inclusa anche la visita guidata in Cripta, disponibile dalle 10 alle 18 per tutta la giornata di domenica 17 aprile.

 

Archeologistics – Fondata nel 2004, è una realtà varesina impegnata nella divulgazione e conoscenza dei beni culturali. Progetta e realizza servizi di gestione museale, educazione al patrimonio, visite guidate e turismo culturale. In Lombardia opera in tutti i quattro siti Unesco Patrimonio dell’Umanità della provincia di Varese e collabora con le principali istituzioni del territorio e con il Ministero per i Beni Culturali. Fornisce consulenza per musei, monumenti e aree archeologiche, luoghi d’interesse storico-artistico e progetta percorsi per scuole e pubblico specialistico. www.archeologistics.it

 

Articolo precedenteAbbiategrasso, pioggia di critiche per i disagi delle linee Stav. I lavoratori respingono le accuse
Articolo successivoRescaldina & la sicurezza. L’ex Sindaco Cattaneo: “Non siamo il Bronx!”